18 dicembre 2009

Crisi alimentare



Cause,consequenze e alternative
di Esther Vivas

Il modello alimentare attuale è da cima a fondo oggetto di una forte
concentrazione aziendale, essendo monopolizzato da una serie di
interessi transnazionali agro-alimentare, che pongono gli interessi
economici al di sopra del bene dei cittadini e della comunità.

Oggi, il sistema alimentare non risponde più alle esigenze nutrizionali
delle persone, né alla produzione sostenibile, basata sul rispetto per
l'ambiente, ma si basa su un modello radicato in una logica
capitalistica di cercare il massimo profitto, l'ottimizzazione dei costi
e valorizzazione del forza lavoro in ciascuno dei suoi settori
produttivi. Beni comuni come l'acqua, semi, terra, che per secoli hanno
fatto parte per le comunità, sono state privatizzate, derubato dal
popolo e convertiti in moneta di scambio nelle mani del miglior offerente.

Di fronte a questo scenario, i governi e le istituzioni internazionali
hanno piegato il sistema di cibo ai disegni delle corporazioni
transnazionali e sono diventati complici, quando non co-profittatori. La
presunta "preoccupazione" di questi governi e delle istituzioni (G8,
Organizzazione mondiale del commercio, Banca Mondiale e così via) per
l'aumento del prezzo dei prodotti alimentari di base e il suo impatto
sulle popolazioni più svantaggiate dei paesi del Sud  rivela solo la
loro ipocrisia profonda rispetto ad un modello agricolo e alimentare,
che li porta notevoli benefici economici. Un modello che è a sua volta
utilizzato come uno strumento imperialista di controllo politico,
economico e sociale da parte delle maggiori potenze economiche del Nord,
gli Stati Uniti e l'Unione europea (come pure le loro multinazionali
agro-alimentari) per quanto riguarda i paesi di il Sud del mondo.


La situazione di crisi alimentare vede nel 2007 e nel 2008, con un forte
aumento dei prezzi dei prodotti alimentari di base mettere in luce
l'estrema vulnerabilità del corrente modello agricolo e alimentare.


E il prezzo del cibo non ha smesso di salire. Secondo l'indice dei
prezzi alimentari FAO c'è stato un aumento del 12% dal 2005 al 2006, il
24% nel 2007, e un aumento di circa il 50% in gennaio e luglio 2008. Dal
punto di cifre della Banca Mondiale nella stessa direzione: i prezzi
sono aumentati dell'83% negli ultimi tre anni. Grani e altre colture che
vengono mangiati da ampi strati della popolazione, soprattutto nei paesi
del sud del mondo (frumento, soia, oli vegetali, riso e così via) hanno
subito gli aumenti più significativi. Il costo del grano è salito del
130%, la soia dell'87%, 74% del riso e il mais del 31% (Holt-Gimenez e
Peabody, 2008) [3]. .Nonostante le buone stime per la produzione di
cereali, la FAO stima che i prezzi resteranno alti nei prossimi anni, e,
di conseguenza, i paesi poveri nelle principali continueranno a subire
gli effetti della crisi alimentare .

Tenendo in considerazione questi dati, non è sorprendente che ci sono
state rivolte per il problema della fame nei paesi del Sud, come è
proprio i prodotti di base che sfamare i poveri, che hanno avuto i
maggiori aumenti di prezzo. In paesi come Haiti, Pakistan, Mozambico,
Bolivia, Marocco, Messico, Senegal, Uzbekistan, il Bangladesh e la gente
del Niger sono andati in strada per dire: "Basta" in scontri che hanno
lasciato decine di morti e feriti. Le rivolte ci ricordano ciò che
accadde negli anni 1980 e 1990 nei paesi del Sud in reazione alle
politiche di aggiustamento strutturale imposte dalla Banca Mondiale e
Fondo Monetario Internazionale. Le cause, ancora una volta, sono
l'aumento dei prezzi per i prodotti alimentari, trasporti e servizi
pubblici, che peggiorano le condizioni di vita della maggior parte dei
popoli di questi paesi e fare la loro lotta per la sopravvivenza
quotidiana più difficile. La storia si ripete e le politiche
neo-liberali lasciano ancora milioni di affamati.

Ma oggi il problema non è la mancanza di cibo, ma l'impossibilità di
accedere ad esso. In realtà, tutta la produzione mondiale di cereali è
triplicata dal 1960, mentre la popolazione su scala globale ha solo
raddoppiato (grano, 2008a). Mai nella storia si era tanto cibo come
oggi. Ma per milioni di persone nei paesi del sud globale che spendono
50-60% del loro reddito per acquistare cibo, una cifra che può salire al
80% nei paesi più poveri, l'aumento del prezzo dei generi alimentari si
è reso impossibile accedere ad essa .

Ci sono motivi di ordine congiunturale che in parte spiegano questo
drammatico aumento dei prezzi negli ultimi anni: la siccità e altri
fenomeni meteorologici legati ai cambiamenti climatici nei paesi
produttori come la Cina, il Bangladesh e l'Australia, che hanno colpito
le colture e continuerà ad avere un impatto sulla produzione dei
prodotti alimentari , l'aumento del consumo di carne, soprattutto nei
paesi dell'America Latina e in Asia, a causa di un cambiamento delle
abitudini alimentari (seguendo il modello di consumo occidentale) e di
una conseguente moltiplicazione di strutture per l'ingrasso di bestiame,
le importazioni di cereali da parte dei paesi che sono stati fino ad ora
autosufficiente come l'India, il Vietnam e la Cina, a causa della
perdita di terre coltivate, la diminuzione delle riserve di grano in
sistemi nazionali che sono stati smantellati alla fine del 1990 tutti
significa che i paesi oggi dipendono interamente dai mercati mondiali di
grano volatili ( Hernandez Navarro, 2008; Holt-Gimenez, 2008). Tutto
questo contribuisce a spiegare in parte le cause che hanno portato alla
situazione di crisi alimentare, ma questi sono argomenti parziali, che
sono stati talvolta usati per deviare l'attenzione dalle cause
sottostanti. Autori come Jacques Berthelot (2008), Eric Toussaint
(2008a) e Alejandro Nadal (2008), tra gli altri, hanno messo in
discussione alcuni di questi argomenti.

Dal mio punto di vista, ci sono due cause di breve termine che sono
stati determinanti per l'aumento dei prezzi degli alimenti e devono
essere sottolineati: l'aumento del prezzo del petrolio, che avrebbe
avuto un effetto diretto o indiretto, e la crescita degli investimenti
speculativi in materie prime. Entrambi i fattori hanno creato uno
squilibrato sistema agro-alimentare che è stato estremamente fragile.
Andiamo nel dettaglio.

L'aumento del prezzo del petrolio, che ha raddoppiato nel 2007 e nel
2008 e ha provocato un notevole aumento del prezzo dei fertilizzanti e
dei trasporti relativi al sistema alimentare, si è tradotta in un
aumento degli investimenti nella produzione di combustibili alternativi,
come quelli di origine vegetale. I governi degli Stati Uniti, l'Unione
europea, Brasile e altri hanno sovvenzionato la produzione di
agro-carburanti, in risposta alla scarsità del petrolio e del
riscaldamento globale. Ma questa produzione di carburante verde, entra
in concorrenza diretta con la produzione di alimenti. Per fare solo un
esempio, nel 2007 negli Stati Uniti il 20% del totale raccolto di
cereali è stato utilizzato per produrre etanolo, ed è calcolato nei
prossimi dieci anni che questa cifra raggiungerà il 33%. Possiamo
immaginare la situazione nei paesi del sud.

Nel mese di aprile 2008, la FAO ha riconosciuto che "a breve termine, è
molto probabile che la rapida espansione del carburante verde in tutto
il mondo avrà un impatto significativo sul settore agricolo
latino-americani" (Reuters, 15/04/08). "E la diversione del 5% della
produzione mondiale di cereali per la produzione di agro-carburanti
conduce direttamente l'aumento del prezzo dei cereali. Nella misura in
cui i cereali come il mais, frumento, soia e barbabietole sono stati
deviati verso agro-carburanti, la fornitura di cereali sul mercato è
scesa e, di conseguenza i prezzi sono aumentati. Stando a varie fonti,
l'impatto è stato più o meno, ma sempre fondamentale: il Dipartimento
dell'Agricoltura degli Stati Uniti ritiene che l'agro-carburanti hanno
generato un aumento del prezzo dei grani di fra 5 e 20%; l'International
Food Policy Research Institute (IFPRI) ritiene che la cifra è di circa
il 30%, mentre un rapporto della Banca Mondiale afferma che la
produzione di agro-carburanti avrebbe portato a un aumento del 75% del
prezzo dei cereali ( Holt-Gimenez, 2008).

Un'altra causa congiunturale da prendere molto in considerazione come un
generatore di questo aumento dei prezzi è stato il crescente
investimento speculativo di materie prime dopo la caduta del dotcom e
dei mercati immobiliari. Dopo il crollo del mercato dei mutui ad alto
rischio negli Stati Uniti, gli investitori istituzionali (banche,
compagnie di assicurazione, fondi di investimento e così via) e altri
hanno cercato luoghi di costo più sicuri e più efficaci per investire il
loro denaro. Nella misura in cui i prezzi alimentari sono aumentati,
essi investono direttamente i loro capitali nel mercato dei futures
spingendo il prezzo dei cereali verso l'alto e in conseguenza
l'inflazione dei prezzi alimentari peggioreranno (Holt-Gimenez, 2008).

Oggi si stima che una parte significativa degli investimenti finanziari
nel settore agricolo ha un carattere speculativo. Secondo i dati più
conservatori, questa cifra sarebbe il 55% del totale, un volume che
aumenta man mano che si approfondisce la liberalizzazione della
produzione agricola. Si noti, inoltre, lo studio di Lehman Brothers che
indicano che dal 2003 l'indice della speculazione in materie prime
(integrato al 30% per i materiali agricoli) è aumentato del 1.900%
(García, 2008a).

Cause strutturali
Al di là di questi elementi a breve termine, vi sono ragioni di fondo
che spiegano l'attuale profonda crisi alimentare. Le politiche
neoliberiste applicate in modo indiscriminato, nel corso degli ultimi
trent'anni, su scala planetaria (la liberalizzazione degli scambi a
tutti i costi, il pagamento del debito estero per i paesi del Sud, la
privatizzazione dei servizi pubblici e dei beni e così via), nonché una
modello di agricoltura e prodotti alimentari al servizio di una logica
capitalista sono i primi responsabili di questa situazione. In effetti,
abbiamo un problema sistemico più profondo con un modello alimentare
globale, che è estremamente vulnerabile agli shock economici, ecologici
e sociali.

Eric Holt-Gimenez (2008) afferma che le politiche del Comitato economico
di "sviluppo" guidato dai paesi del Nord dal 1960 in poi (la Rivoluzione
verde, i programmi di aggiustamento strutturale, regionali trattati di
libero commercio, l'Organizzazione mondiale del commercio e dei sussidi
agricoli in Nord) hanno portato alla distruzione dei sistemi alimentari.

Tra il 1960 e '90, la cosiddetta "rivoluzione verde", promosso da
diverse istituzioni internazionali e centri di ricerca agricola, ha
avuto luogo, con il "teorico" obiettivo di modernizzare il settore
agricolo nei paesi non industrializzati. I primi risultati in Messico e,
successivamente, nel sud-est asiatico sono stati spettacolari dal punto
di vista della produzione per ettaro, ma questo aumento della resa terra
non hanno un impatto diretto sulla riduzione della fame nel mondo. Così,
sebbene la produzione agricola mondiale è aumentato del 11%, il numero
degli affamati nel mondo è cresciuto del 11 per cento, da 536 milioni a
597 (Reichmann, 2003) .

Come Rosset, Collins e Moore Lappé (2000) ammisero: "l'aumento della
produzione che è stata al centro della rivoluzione verde non è stato
sufficiente per alleviare la fame, perché non altera la concentrazione
del potere economico, l'accesso alla terra o il potere d'acquisto ... il
numero di persone che soffrono la fame può essere ridotto solo con la
re-distribuzione del potere d'acquisto e delle risorse tra coloro che
sono malnutriti ... se i poveri non hanno soldi per comprare il cibo,
l'aumento della produzione non risolverà nulla ".

La Rivoluzione Verde ha avuto conseguenze collaterali negativi per molti
contadini poveri e medie imprese e per la sicurezza alimentare a lungo
termine. In particolare, il processo di aumento di potenza delle
multinazionali agro-alimentare nella catena di mercato, ha causato la
perdita del 90% di agro e di bio diversità, massiccia riduzione dei
livelli di acqua, aumento della salinizzazione e l'erosione del suolo,
milioni di contadini sfollati dalle campagne verso le baraccopoli della
città, smantellamento di produzioni agricole tradizionali e dei sistemi
alimentari.

Nel 1980 e '90, l'applicazione sistematica di programmi di aggiustamento
strutturale [7] nei paesi del Sud da parte della Banca mondiale e Fondo
monetario internazionale, in modo da poter pagare il debito estero,
aggravava ulteriormente le già difficili condizioni di vita della
maggior parte della popolazione in questi paesi. I programmi avevano
come principale obiettivo la subordinazione dell'economia del paese per
il pagamento del debito, applicando la massima "esportare di più e
spendere meno".

Le misure shock imposte da questi programmi consisteva di costringere i
governi del Sud a ritirare le sovvenzioni ai prodotti di base come pane,
riso, latte e zucchero e una drastica riduzione della spesa pubblica per
istruzione, sanità, abitazioni e infrastrutture. E' stata costretta la
svalutazione della moneta nazionale, rendendo i prodotti più economici
per l'esportazione, ma con la riduzione del potere d'acquisto della
popolazione nazionale, mentre i tassi di interesse sono stati aumentati
al fine di attirare capitale straniero, con alti tassi di remunerazione,
generando una spirale speculativa. In ultima analisi, una serie di
misure che hanno portato alla povertà più estrema per i popoli di questi
paesi (Vivas, 2008a).

A livello commerciale, i programmi di promozione delle esportazioni per
aumentare le riserve in valuta estera, aumentando monoculture per
l'esportazione e riducendo l'agricoltura per il consumo locale, con un
conseguente impatto negativo sulla sicurezza alimentare e la dipendenza
dai mercati internazionali. In tal modo le barriere doganali sono state
smantellate, facilitando l'ingresso di prodotti altamente sovvenzionato
dagli Stati Uniti e in Europa, che ha venduto di sotto del loro prezzo
di costo, ad un prezzo inferiore rispetto ai prodotti locali,
distruggendo la produzione locale e l'agricoltura, mentre le economie
sono state completamente aperte agli investimenti, i prodotti e servizi
delle multinazionali. La massiccia privatizzazione delle imprese
pubbliche, soprattutto a vantaggio delle multinazionali del Nord, è
stata diffusa. Tali politiche hanno avuto un impatto diretto sulla
produzione agricola locale e la sicurezza alimentare, lasciando questi
paesi alla mercé del mercato, gli interessi delle multinazionali e le
istituzioni internazionali che promuovono queste politiche.

L'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), istituito nel 1995, ha
codificato le politiche dei programmi di adeguamento strutturale per
mezzo di trattati internazionali, sottoponendo le leggi nazionali per i
suoi disegni. Accordi commerciali gestiti dal WTO, come l'Accordo
generale sulle tariffe doganali e il commercio (GATT), l'Accordo
generale sul commercio dei servizi (GATS) e l'Accordo sugli aspetti dei
diritti di proprietà intellettuale (TRIPS), ulteriormente consolidato il
controllo dei paesi del Nord per le economie del sud.

Le politiche della OMC ha forzato paesi in via di sviluppo a eliminare i
dazi sulle importazioni, la tutela e la fine per le sovvenzioni ai
piccoli produttori e di aprire le proprie frontiere ai prodotti delle
imprese multinazionali, mentre i mercati del Nord sono rimasti altamente
protette. Allo stesso modo, i trattati, come il North American Free
Trade Agreement (NAFTA), l'America centrale Free Trade Agreement (CAFTA)
ha approfondito la liberalizzazione degli scambi, portando al fallimento
i contadini del Sud e rendendoli dipendenti dalle importazioni di cibo
nei paesi del nord.

I sussidi agricoli americani ed europei diretto principalmente verso
l'industria agro-alimentare, per cancellare il piccolo produttore locale
rappresentano un quarto del valore della produzione agricola negli Stati
Uniti e il 40% nell'Unione europea (Holt-Gimenez, 2008). Nello Stato
spagnolo, i principali beneficiari degli aiuti sono le aziende più
grandi: sette produttori, tra cui la duchessa di Alba, sono i maggiori
beneficiari della politica agricola comune. Si stima che il 3,2% dei
principali produttori in Spagna riceve il 40% degli aiuti diretti
(Intermon Oxfam, 2005), mentre le aziende di famiglia, a sostegno delle
aree rurali in Europa e milioni di contadini nel Sud, non hanno
praticamente alcun sostegno e soffrono dell'abusiva concorrenza di
questi prodotti altamente sovvenzionata.

I paesi del Sud che fino a quaranta anni fa erano autosufficienti e
anche avuto eccedenze agricole, che ammontavano a miliardi di dollari,
oggi sono diventati completamente dipendenti dal mercato internazionale
e con una importazione media di $ 11.000 milioni di euro in cibo ogni
anno . Come notato da Eric Holt-Gimenez (2008): "L'aumento del
deficit alimentare nel Sud riflette l'aumento di eccedenze alimentari e
l'espansione del mercato nel Nord industriale", così come la sua
agro-industriale. Nel 1960, per esempio, l'Africa ha esportato $ 1.300
milioni di euro in prodotti alimentari, il continente oggi importa il
25% del suo fabbisogno alimentare.


Il caso di Haiti è rivelatore. Bill Quigley (2008) lo ammette, fino a
trent'anni fa, questo paese ha prodotto tutto il riso che serviva ad
alimentare la sua popolazione, ma nel bel mezzo degli anni 1980, di
fronte a una situazione di crisi economica acuta (quando il dittatore
haitiano Jean Claude " Baby Doc "Duvalier ha lasciato il paese, per lo
svuotamento dei suoi forzieri), ha chiesto il prestito al Fondo
monetario internazionale. Una spirale di "dominio" che ha portato il
paese ad una pesante dipendenza politica ed economica verso le
istituzioni finanziarie internazionali e, in particolare verso gli Stati
Uniti.

Per questi prestiti, Haiti è stato costretto ad applicare una serie di
politiche di adeguamento strutturale e di liberalizzazione commerciale
con la riduzione delle tariffe per proteggere la produzione di colture,
tra cui il riso. Questa apertura ha permesso l'ingresso indiscriminato
di riso statunitense sovvenzionata, venduto ben al di sotto del prezzo
al quale gli agricoltori locali potrebbero produrlo. Come spiegato da
Bill Quigley (2008), citando il sacerdote haitiano Gerard Jean-Juste:
"nel corso del 1980, il riso importato è entrato nel paese ad un prezzo
molto inferiore a quello in cui i nostri agricoltori potrebbero
produrlo. Hanno perso il loro lavoro e sono fuggiti in città. Dopo
alcuni anni di buon riso di importazione, la produzione locale è caduta
miseramente ". Un fatto che ha portato alla miseria più assoluta per i
contadini di Haiti, che, incapace di competere con questo riso,
abbandonato le loro coltivazioni. Oggi, Haiti è diventato uno dei
principali importatori di riso statunitense.

Di conseguenza, quando nel mese di aprile 2008, il prezzo del riso,
fagioli e frutta è aumentato di oltre il 50% ad Haiti; questo ha reso
impossibile l'accesso ad essi per la maggior parte della popolazione.
Diversi giorni di rivolta nel paese più povero dell'America Latina, dove
la dieta degli adulti è 1.640 calorie (640 in meno della media necessari
in base al Programma alimentare mondiale dell'ONU), ha evidenziato la
portata della tragedia. Di fronte all'impossibilità di comprare del
cibo, mangiano tortillas fatte di fango con il sale.

Quale interesse potrebbe avere gli Stati Uniti nel mercato di riso
haitiano nel paese più povero dell'America Latina? Ad Haiti, il 78 per
cento della popolazione vive con meno di due dollari al giorno, e oltre
la metà con meno di un dollaro al giorno, mentre l'aspettativa di vita è
59 anni. Ma, secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti,
nel 2008, Haiti è stato il terzo più grande importatore di riso degli
Stati Uniti, fortemente sovvenzionata dal governo degli Stati Uniti da
miliardi di dollari l'anno. E chi sono i beneficiari? Tra il 1995 e il
2006, per esempio, un singolo produttore, Riceland Foods Inc., ha
ricevuto 500 milioni di dollari di sovvenzioni. Secondo il Washington
Post nel 2006, il governo degli Stati Uniti ha pagato almeno 1,3
miliardi di dollari in sovvenzioni a partire dal 2000 a persone che non
avevano mai coltivato niente, anche 490.000 dollari per un chirurgo di
Houston che aveva acquistato un campo nei pressi di una località che una
volta aveva coltivato il riso (Quigley 2008). Per quanto riguarda le
tariffe, gli Stati Uniti stabiliscono una barriera tariffaria diretta
dal 3% al 24% delle importazioni di riso, esattamente la stessa tutela
che chiese di abbandonare ad Haiti negli anni 1980 e '90.

Messico, la culla del mais, è un altro esempio da manuale di
e,iminazione della sovranità alimentare. La crisi della tortilla
all'inizio del 2007, con l'aumento dei prezzi del 60%, dovuto
all'aumento del costo del mais, il componente di base della tortilla,
pose il Messico sull'orlo della crisi economica e portò alla allarme
globale. Le sovvenzioni del governo degli Stati Uniti per la produzione
di agro-combustibili ha fatto sì che la produzione di mais per l'etanolo
è più redditizia della produzione alimentare e di conseguenza ha spinto
il suo prezzo in alto.

Ma la crisi tortilla, come la crisi alimentare di oggi, ha radici più
profonde e non può essere compreso senza analizzare l'impatto delle
politiche di libero mercato imposte dalla Banca Mondiale, il Fondo
monetario internazionale (FMI) e Washington negli ultimi anni, che ha
convertito il Messico in un importatore un'economia dipendente dagli
Stati Uniti per il mais.

Nel mese di agosto 1982, il governo messicano si è dichiarato in
fallimento per rimborsare il debito estero, ma la situazione di crisi
sociale ed economica ha costretto il governo a indebitare se stesso con
le banche commerciali e le istituzioni internazionali. In cambio per i
fondi messi a servizio del suo debito, il Fmi e la Banca mondiale ha
imposto sul Messico di una serie di condizioni quadro per un programma
di aggiustamento strutturale: l'apertura dei mercati, l'eliminazione
delle tariffe e dei regolamenti dello Stato, la contrazione della spesa
pubblica, lo smantellamento del sistema di credito dello Stato , le
sovvenzioni ai fattori di produzione agricoli e dei prezzi garantiti, e
la fine dello stato dei servizi di raccolta, di commercializzazione, di
immagazzinamento e di assicurazione del raccolto, tra le altre cose
(Vivas, 2008a; Bello, 2008).

Questo colpo di stato, come ha osservato Walden Bello (2008), seguì un
altro che è ancora più significativo: l'entrata in vigore il 1 gennaio
1994 della North American Free Trade trattato (NAFTA), che ha provocato
un afflusso massiccio di mais degli Stati Uniti altamente sovvenzionato
, inondazioni sui mercati locali a prezzi inferiori e precipitare il
settore in una crisi profonda.

Con la chiusura dell'Agenzia di Stato per il commercio di mais , la
distribuzione del mais in Messico, era nelle mani di poche
multinazionali come Cargill e Maseca, che avevano un potere immenso.
Questo settore di monopolio significa, ad esempio, che un aumento
sostanziale dei prezzi del mais a livello internazionale non si traduca
in prezzi significativamente più elevati per i piccoli produttori locali
(Bello, 2008; Patel, 2008). Questa situazione ha generato l'abbandono
massiccio della campagna messicana da piccoli produttori di mais e di
riso e allevatori che non possono competere con i prodotti sovvenzionati
dagli Stati Uniti e fuggire verso il pianeta "delle baraccopoli" (Davis
2008). Si stima che un totale di 1,3 milioni di contadini avevano
abbandonato la campagna otto anni dopo l'entrata in vigore del NAFTA, un
numero significativo di essi emigrano verso gli Stati Uniti (Polaski,
2004).

Ma i casi di Haiti e Messico sono estrapolati dai casi di molti altri
paesi del Sud, dove l'applicazione sistematica delle politiche
neoliberiste degli ultimi anni non solo ha posto fine ad un sistema di
produzione agricola, l'agricoltura e la produzione alimentare indigena,
ma anche a qualsiasi tipo di protezione e sostegno alle comunità,
industrie e servizi pubblici. In Sri Lanka, per esempio, la Banca
mondiale ha proposto di mettere fine alla produzione di riso, una
coltura tradizionale per più di duemila anni e alla base della
produzione alimentare locale, perché era più economico importare dal
Vietnam e dalla Thailandia ( 2006 Houtart). Nelle Filippine, la
ristrutturazione economica neoliberista dello stato nel 1990 ha
trasformato un esportatore netto di prodotti alimentari nel maggior
importatore di riso al mondo, di acquistare ogni anno sul mercato
internazionale tra uno e due milioni di tonnellate di riso per
soddisfare la domanda interna ( Bello 2008). La logica del libero
mercato ha condannato questi paesi in una spirale di dominio e di miseria.

Impatto nel Nord
Le conseguenze della crisi alimentare mondiale hanno la loro eco nei
paesi del Nord. Nel corso del 2008 gli agricoltori, pescatori,
autotrasportatori, gli allevatori di bestiame sono scesi in strada a
causa dell'aumento del costo del carburante e delle materie prime e per
chiedere una giusta remunerazione per i loro prodotti, mentre i prezzi
dei prodotti alimentari è cresciuta incessantemente.

Nel gennaio del 2008, migliaia di allevatori ha dimostrato a Madrid, su
iniziativa del Coordinamento delle Organizzazioni di agricoltori e
allevatori (COAG) per chiedere soluzioni concrete alla crisi del
settore. COAG ha sottolineato che il problema principale è stato
l'aumento del prezzo dei mangimi e la tendenza alla diminuzione dei
prezzi alla fonte. Una situazione che mette in pericolo la sopravvivenza
di 400.000 piccole e medie aziende in grado di tradurre l'aumento dei
costi di produzione nei prezzi di vendita (EFE, 24 gennaio 2008).

All'inizio del maggio 2008, circa 9.000 coltivatori ed allevatori che
hanno dimostrato a Madrid per chiedere al governo di introdurre una
nuova legge sui margini di commercio che hanno limitato la differenza
tra il prezzo pagato all'origine e il prezzo di vendita al pubblico,
oggi in media fino a 400%. Distributori di massa attraverso i
supermercati, ipermercati, catene di supermercati discount sono quelli
che traggono i maggiori vantaggi a scapito del produttore e del
consumatore.

Alla fine di questo maggio, circa 7000 pescatori riuniti davanti
all'edificio del ministero dell'Ambiente a Madrid per protestare contro
i prezzi elevati del carburante e la mancanza di aiuti (prezzo del
petrolio era salito di oltre il 320% in cinque anni, mentre il prezzo
del pesce è stato costante). Durante la protesta, i pescatori, che erano
venuti da tutto lo stato, ha dato via ventimila chili di pesce fresco.
La situazione attuale del settore consente di continuare a pescare a
condizioni praticamente insostenibili (Reuters, 30/05/08). I
trasportatori si sono uniti alle proteste, bloccando le autostrade e le
strade, a causa del rialzo del prezzo del gasolio, che era già stato
aggiunto il 50% alla copertura dei costi (El Mundo, 10/06/08). Gli
esempi potrebbero continuare.

Allo stesso tempo, negli ultimi anni i prezzi dei prodotti che fanno
parte del nostro paniere alimentare, non hanno cessato di aumentare. Nel
2007, il prezzo del latte è aumentato del 26%, cipolle del 20%, olio di
girasole del 34%, il pollo del 16%., E questa è stata la tendenza per la
maggior parte degli alimenti, secondo i dati forniti dal Ministero
dell'Industria, del Turismo e Commercio alla fine del 2007, mentre
l'indice dei prezzi al consumo riflette solo un aumento del 4,1% in
quello stesso anno.

È evidente è che gli effetti della crisi alimentare in entrambe le
estremità del pianeta, sono difficilmente paragonabili. Nel Nord, si
spendendo solo un 10 e il 20% del nostro reddito per acquistare cibo,
mentre nel Sud questo valore sale al 50-60% e può raggiungere anche
l'80%. Ma questo non elimina l'importanza di osservare l'impatto che
questo aumento dei prezzi presenta, mentre i profitti delle
multinazionali continueranno ad aumentare e governi invocare una
maggiore liberalizzazione economica.

La situazione peggiora ogni giorno. Negli ultimi dieci anni nello Stato
spagnolo quasi dieci aziende al giorno sono scomparse e la popolazione
attiva rurale è stato ridotta al 5,6% del totale, lasciando la
popolazione per lo più anziani . Con queste cifre, nei prossimi quindici
anni, la Spagna dovrà importare l'80% del cibo necessario per sfamare la
sua popolazione (Terra Foundation, 2006). I Redditi agricoli sono
diminuiti incessantemente e l'importo di oggi è al 65% del reddito
medio. Non sorprende quando, per esempio, l'indice dei prezzi al consumo
è cresciuto del 4,2% nel 2005, mentre il prezzo di vendita dei prodotti
agricoli è diminuita. Una tendenza ripetuta anno dopo anno (2007 DOE).
Fonte dei prezzi dei prodotti agricoli si sono moltiplicati fino a
undici volte e si stima che oltre il 60% del profitto dal prezzo finale
del prodotto si concentra sulla parte finale della catena, il
supermercato (2007 COAG).

Chi ci guadagna?
I benefici crisi alimentare mondiale delle multinazionali che
monopolizzano ognuno dei collegamenti nella catena di produzione,
trasformazione e distribuzione degli alimenti. In effetti i vantaggi
economici maggiore sono aumentati incessantemente per la semenza, i
fertilizzanti, la commercializzazione e la trasformazione delle
multinazionali nel settore alimentare e le catene di distribuzione al
dettaglio.

Nel 2007 le principali compagnie di sementi, la Monsanto e la Du Pont,
hanno dichiarato un aumento dei profitti del 44% e 19% rispettivamente
per l'anno precedente. Le più grandi aziende di fertilizzanti, Potash
Corp, Yara e Sinochem hanno visto i profitti crescere del 72%, 44% e 95%
tra il 2007 e il 2006. Lo stesso è accaduto con i produttori principali
alimentari come Nestlé, con profitti in crescita del 7% nello stesso
periodo. La grande distribuzione commerciale, hanno accresciuto il loro
margini. La principale catena di supermercati in Gran Bretagna, Tesco,
ha dichiarato un aumento del 12,3% dei loro guadagni in questo periodo,
mentre Carrefour e Wal-Mart individuate le vendite di prodotti
alimentari come la loro principale fonte di reddito (grano, 2008a,
Vivas, 2008b). La relazione annuale 2007 della catena statunitense di
supermercati Safeway ha mostrato che il reddito netto è aumentato del
15,7% tra il 2006 e il 2007.

La chiave risiede nella pratica di queste multinazionali: la vendita di
grandi volumi con margini ridotti e rifornirsi direttamente dai
produttori. L'aumento del prezzo dei cereali ha innescato, secondo GRAIN
(2008b), "la febbre nel mondo delle grandi imprese per un maggiore
controllo di tutta la catena alimentare". Le multinazionali
agro-alimentari e le società di distribuzione al dettaglio hanno
approfondito il loro controllo nella catena produttiva, in particolare
attraverso lo scambio diretto di produzione agricola, con l'obiettivo di
ridurre i costi di approvvigionamento e garantire i profitti.

Tutta la catena agro-alimentare è sottoposto ad una elevata
concentrazione aziendale. Nel 2007, il valore aggiunto di fusioni e
acquisizioni nel settore alimentare mondiale (tra cui produttori,
distributori e venditori) è stato di circa 200 miliardi dollari, il
doppio di quanto è stato nel 2005. Queste fusioni riflettono la tendenza
globale al rialzo per la creazione di monopoli nel settore alimentare
(ETC Group 2008).

Se cominciamo con il primo anello della catena, i semi, si osserva che
dieci delle più grandi aziende a livello mondiale (Monsanto, DuPont,
Syngenta, Bayer e così via) hanno il controllo del mercato. Si tratta di
un mercato con un valore di circa 21 miliardi di dollari all'anno, un
settore relativamente piccolo rispetto ai pesticidi o prodotti
farmaceutici (ETC Group, 2005a), ma dobbiamo tenere a mente che questo è
il primo anello agro-alimentare e, di conseguenza, , il suo controllo
comporta rischi per la sicurezza alimentare. Leggi sulla proprietà
intellettuale ha dato alle imprese diritti esclusivi su semi hanno
ulteriormente stimolato la concentrazione di imprese e hanno eroso i
diritti fondamentali degli agricoltori per il mantenimento di sementi
autoctone e della biodiversità. In effetti, l'82% del mercato nel
settore delle sementi commerciali in tutto il mondo è costituito da
sementi brevettate (soggetti a monopoli esclusivi quali la proprietà
intellettuale) (ETC Group 2008).