16 novembre 2019

restiamo uniti, Ma su che?



A proposito della vicenda ILVA Conte "𝒅𝒂 𝒒𝒖𝒆𝒔𝒕𝒂 𝒗𝒊𝒄𝒆𝒏𝒅𝒂 𝒏𝒆 𝒖𝒔𝒄𝒊𝒂𝒎𝒐 𝒔𝒐𝒍𝒐 𝒔𝒆 𝒔𝒂𝒑𝒓𝒆𝒎𝒐 𝒓𝒆𝒔𝒕𝒂𝒓𝒆 𝒖𝒏𝒊𝒕𝒊, 𝒔𝒆 𝒔𝒂𝒑𝒓à 𝒔𝒄𝒆𝒏𝒅𝒆𝒓𝒆 𝒊𝒏 𝒄𝒂𝒎𝒑𝒐 𝒊𝒍 𝒔𝒊𝒔𝒕𝒆𝒎𝒂 𝒑𝒂𝒆𝒔𝒆”
Bene ,Ma qual'è la soluzione per cui tutti dovremmo come un Unico stringersi a coorte? Naturalmente quella del governo uscito dal compromesso fra M5S e PD Entrambi sottoscrittori del contratto capestro per i cittadini! Che privilegia la produzione e il profitto e a scapito della salute!!! E chi non con me ....Peste lo colga!!!
E' un modo come un altro per capovolgere soggetto e predicato!
Qual'è l'interesse preminente per il Paese?, Salvare la figura di merda dei governanti o la salute dei cittadini?
Ma che Di Maio o Calenda o Conte si sono resi burattini in mano ad una multinazionale è preminente rispetto alla salute e alla salvaguardia del lavoro?
E pongono il problema sulla onorabilità dell'impegno sottoscritto, Non sul contenuto, ma sulla forma che parola data va rispettata. Non sui rapporti di forza fra i due contraenti, non a cosa andranno incontro i cittadini indipendentemente di chi vincerà questo falso braccio di ferro, L'identità fra gli interessi d'onore del Governo,in mezzo la salute dei cittadini e il lavoro !!!!

Ma e il MOSE?



Ricordo ai molti che pochi erano coloro che hanno sempre valutato l'opera per quel che poi si è rivelata. Una scusa per far arricchire appaltatori e società nominate dal Ministero dell'Infrastrutture tutte riunite in un Corsorzio Venezia Nuova. Recentemente una inchiesta della magistratura ha visto coinvolti l’ex governatore del Veneto, Giancarlo Galan, l’ex sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, l’ex ministro dei Trasporti, Altero Matteoli Tutti provenienti dalla destra italiana.
Questo a dimostrazione che a turno chiunque va a governare , poi rimane con le mani invischiate nella marmellata
Non è questione di uomini, ma di potere!
Oggi tutti alzano la voce anche quelli che erano stati fautori e gridando che il MOSE è una truffa. Persino Zaia che partecipò insieme a Berlusconi all'ennisima inaugurazione del MOSE.


Ma perché non si è alzato il MOSE per bloccare l'acqua alta?
Perché non funziona niente. Doveva essere completata nel 2016 ad oggi ancora on sono stati fatti i test e persino il software che dovrebbe tenere ferme le paratie non è stato ancora scritto!! Doveva costare 2 miliardi , sono stati spesi quasi 6 miliardi, ne occorreranno fino alla prossima scadenza nel 2021 altri 2 miliardi. A parte i 100 milioni che già dci costa per manutenzione di una opera che ancora deve entrare in funzione.
E questo è solo l'ennesimo esempio di quel che significa grandi opere in Italia. Il nostrano capitalismo straccione! Ma il bello dovremo ancora vederlo con le Olimpiadi, la TAV e già è ritornato in auge di nuovo il mai sopito sogno del Ponte di Messina.

15 novembre 2019

chi ha deciso la chiusura dell'Afo2?




Se qualcuno avesse dei dubbi sulla professionalità o imparzialità della maggior parte dei giornalisti basta guardare alla vicenda ILVA. Nei Talk show televisivi vi è una sfuriata di commentatori politici, giornalisti che sono contro i giudici che hanno bloccato l'AFO2 e dunque colpevoli unici al mondo a fermare la produzione di ricchezza di un paese avanzato. Tutto questo da Porro, ma esternato in diverse declinazioni da altri pennivendoli del potere
.Qui voglio solo ricordare che quell'impianto e i sistemi di sicurezza di quell'impianto hanno causato la morte di un giovane operaio di 28 anni. E quell'impianto era stato chiuso come scena del crimine . Ci sono voluti tre decreti di Renzi per renderli disponibili al padrone e continuare a produrre e a rendere rischiosa la vita a chi operava. La Magistratura con sentenza successiva ha dichiarato quel posto di lavoro libero da ingiunzione solo e soltanto se avessero effettuato lavori per la messa alle minime condizioni di sicurezza entro un determinato tempo. Dicembre 2019 IN tutto questo tempo non è stato fatto nessun lavoro di messa in sicurezza, e la Mittal ha dichiarato che alla scadenza quei lavori non sarebbero stati effettuati. A gennaio scadono quei termini e dunque la chiusura di quegli impianti Afo2 e successivamente Afo4 è una questione di sicurezza sociale non un capriccio di toghe rosse !
Questo nessuno la racconta

E alla luce di questi fatti la chiusura è voluta dalla Magistratura o da chi in nome della produzione se ne fotte del secondo potere della Repubblica e della sicurezza dei luoghi di lavoro? E' la politica e il padronato che chiude gli impianti resi pericolosi per loro e per chi ci lavora!

10 novembre 2019

Non sappiamo cosa fare, ammettono! Viva la sincerità



Non sappiamo cosa fare!

Quando nacque il nuovo governo Giallo rosso ravanello e Salvini si autoescluse tutti gridarono alla sua fine politica. Sommessamente feci notare che , a mio parere,a me pareva invece che avrebbe preso più forza e vigore il suo stare all'opposizione. Poteva dire no a tutto e a tutti e non prendersi spiacevoli responsabilità di quelle che contano come quelle relativi ai veri problemi del Paese. La sua permanenza al governo era stata contraddistinto da falsi problemi montati ad arte, e per soddisfare i mal di pancia dei votanti e cittadini.
Lui insieme alla sua camerata di merenda ,nei sondaggi,salgono sempre più. La Meloni può dire che lei si chiama Georgia, che è madre ( non cristiana) di essere cristiana di essere donna e di avere il 10% dei consensi!
Ma quando era ministro nel governo Berlusconi c'è forse qualcuno si ricorda di suoi provvedimenti? Da parlamentare ha votato tutto a favore persino la riforma Fornero
Insieme fanno la coppia più "bella" del mondo.
Ma è tutto merito loro?
Io penso di no. E che la maggior parte del loro successo è dato da questo governo di anime morte, che ancora non riescono a dire una parola chiara su niente E sull'ILVA almeno hanno avuto il coraggio di dire Non sappiamo cosa fare!!!!! Che è drammatico come ammissione nella loro consapevolezza!

9 novembre 2019

La sindrome di Stoccolma a Taranto


La sindrome di Stoccolma a Taranto. Appena il 20% le astensioni dal lavoro indette dal sindacato a dimostrazione che il sindacato ormai fa la parte notarile del governo e del padrone. Mentre all'incontro con Conte bis una folla osannante lo attendeva. I cittadini sono disperati, e chiunque gli promette anche la Luna loro ci credono , perché gli rimane solo la speranza!! Basta ricordare quel che ha fatto di Maio e la Lezzi durante la campagna elettorale qui a Taranto. Avevano persino promesso la chiusura dell'ILVA e la costruzione di un parco giochi. E i cittadini li hanno creduto!!!
Ora Conte li ha detto che lui non sa come risolvere il problema e tutti ad applaudirlo!!! Ma che ci sta pensando!!!! Bene! Bravo! Bis!!!!

La prospettiva per la soluzione(??) sono le peggiori per l'ex ILVA Si fa strada il soccorso di Cassa depositi e Prestiti che si prenderebbe l'area a caldo dell'ILVA una sorta di Bad Ilva addossandosi tutti gli operai che operano in quell'area, per condurli al licenziamento dopo cassa integrazione e sopratutto tutta l'area da bonificare che resterebbe come macerie in uno scenario da After Day Una operazione che costerebbe ai contribuenti oltre 600 milioni senza che si faccia nessuna operazione di bonifica.
E alla AncelorMittal tutti gli impianti più produttivi ad alto valore aggiunto, con un impatto di inquinamento bassissimo . Ancelor ha fatto sapere di essere favorevole a questa ipotesi. E mica fessi!!!! E questa la chiamano soluzione?

Attenti all'uomo Nero!!!!


Da cosa deriva il successo di Salvini , "protettore dell'anima mia" e la sua politica insieme alla Meloni del soffiare sul fuoco delle paure ,ma non proponendo niente di realmente efficace contro la paura?
E' dalla ricerca “Modern family: dal 1989 a oggi com’è cambiata la famiglia in 30 anni” commissionata da BNP Paribas Cardif condotta dall’istituto di ricerca Eumetra MR, che vede l’evoluzione della famiglia italiana che vede più rischi rispetto a 30 anni fa, più preoccupata per il lavoro, per la propria sicurezza e per la sostenibilità economica futura. Preoccupazioni, paure che alimentano la necessità di protezione.


Ed ecco perché oggi quasi otto famiglie su dieci posseggono almeno una polizza.
Chi su queste paure ha fatto la sua fortuna elettorale e personale pensate che possa pensare di risolvere in senso positivo queste paure? Che indichi e pubblicizzi che i reati contro la persona e contro il patrimonio, in Italia sono diminuiti dell'43% consentendo cosi di mettere fine al fuoco che loro stessi hanno appiccato?
Certamente no ! Ed ecco che militarizzano la polizia, legiferano per la liberalizzazione della vendita ai privati, fomentano l'odio contro i diversi, migranti, profughi alimentando la paura dell'uomo nero!
E' dunque una meraviglia se la Meloni e Salvini si siano astenuti per la commissioni contro l'odio e il razzismo? La Meloni motivandola perché lei è per la famiglia(??) Salvini che è solo distrazione di massa e persino Di MAio, degno compare in secondo piano di Salvini , l'ha definita dando voce al suo portavoce Rocco Casalino, come «grande cazzata»

E chi , a livello teorico dovrebbe contrastare questa deriva destrorsa in realtà sono essi stessi fomentatori e alimentatori dell'odio e della paura ( Minniti), ma piano piano, con cautela con i distingui!!!!

8 novembre 2019

Gridare alla Luna , ora che i giochi sono scoperti!


In tanti ci eravamo chiesto, al momento della trattativa AncelorMittal Calenda, ma cosa si nasconde dietro? Come può una multinazionale dell'acciaio un colosso in europa in evidente crisi di sovrapproduzione promettere di portare a 8 milioni di tonnellate la produzione di acciaio dell'ILVA. Il 2018 si era chiuso con il reddito operativo in calo ovunque,. Il primo semestre si è chiuso con una perdita netta di 33 milioni di dollari.Con il prezzo dell’acciaio che è diminuito di oltre il 10 per cento,Ma i margini sono crollati
Nel primo bilancio diffuso dalla filiale italiana si può leggere, “la domanda di acciaio nella Ue è debole in tutti i principali settori, in particolare il settore automobilistico registra un calo del 10 per cento. In particolare, le importazioni dei laminati a caldo nella Ue sono aumentate del 37 per cento dal 2017 e del 16 per cento rispetto all’anno scorso e risultano ancora in crescita. In Italia, le importazioni dalla Turchia di tale prodotto sono aumentate del 49 per cento dal 2018. E la AncelorMittal vuole comprare un colosso di produzione e produrre ancora 8 milioni di tonnellate di acciaio?
Qualcosa non quadrava.
E se ce lo chiedevamo noi, che siamo solo attenti osservatori e lettori come era possibile che tutti gli esperti che affiancavano sia Calenda che Di MAio si son bevuti l'acqua fresca che la Mittal proponeva loro?


Allora o erano ingenui, sciocchi e incompetenti oppure erano e sono complici. Ora che i giochi sono scoperti, gridano alla Luna più per impressionare che per fare sul serio!!!!

6 novembre 2019

Ne di destra ne di destra, ma di destra!



Il mantra del M5S ( tra l'altro ripreso da antichi slogan della destra e dai fascisti ante marcia) è che non esiste politiche di sinistra o di destra , Ma solo politiche giuste o ingiuste.
E' tanto falsa questa affermazione che è solo l'affermazione di un tipo di politica schierata a destra. Dunque "l'ergo" smentisce la premessa!
E' universalmente riconosciuto che la sinistra ha come finalità l'egualitarismo ossia la riduzione delle differenza fra i diversi ceti sociali ( che il marxismo chiama classi e che pone la disuguaglianza come premessa del Liberismo). La destra invece è esattamente il contrario e pone come premessa proprio la disuguaglianza come premessa per lo sviluppo e la crescita ( Basta leggere il padre del Capitalismo Adam Smith)


Vi è un parametro economico chiamato coefficiente di Gini e misurare la diseguaglianza nella distribuzione del reddito e/o anche della ricchezza. È un numero compreso tra 0 ed 1. Maggiore è la tendenza verso l'1 maggiore sarà la disuguaglianza fra i ceti sociali. Ora l'indice nel 2018 è pari a 0,386 Nel 1980 era pari al 0,285 Che ci pone in Europa nella fascia dei paesi con maggiore disparità.
I dati indicano dunque che almeno dal 1980 ci stiamo indirizzando verso una politica di destra con maggiore accelerazione, negli ultimi 15 anni.

Dunque quando vi dicono che non vi è più sinistra ne destra vi stanno dicendo che la loro è una politica di destra ma non lo dicono per catturare il vostro voto!

Dati dal World Inequality Database (WID)

5 novembre 2019

Stante cosi le cose la fine è assicurata



LO scudo penale sul reato di chi inquina non è una scusa per Mittal Ancelor , ma "conditio sine qua non" per continuare a produrre e fare profitti senza avere la spada di Damocle del reato di inquinamento ambientale.
Si perché a Taranto o si fanno investimenti per la decarbonizzazione degli impianti a caldo oppure l'inquinare e avvelenare l'aria e l'ambiente è direttamente proporzionale al produrre acciaio. Anzi in maniera esponenziale.
E più si aumenta la produzione ( Di MAio e il PD aveva permesso nell'accordo di poter far produrre 10 milioni di tonnellate di acciaio, tante quanto ne sono capaci gli impianti, vecchi di 40 anni) più si moltiplica l'inquinamento

Allora non c'è niente da fare?
Si che ci sono soluzioni, ma sono soluzioni di tipo politico più che di politica industriale.
Occorre che lo Stato investe ( perchè il privato, nessun privato mai investirà per poter avere ritorni nel giro di qualche lustro) affinchè si chiudano gli impianti a caldo ( che partono dai minerali fino alla produzione delle bramme) che da soli producono oltre l'80% dell'inquinamento e riutilizzare gli operai così liberati per la bonifica di quegli ettari di terreno in un grande progetto di risanamento ambientale e che vede coinvolto anche la locale Università di scienza ambientale studenti e neo laureati.
Spezzare il ciclo che vede produrre ancora nuovo acciaio quando si hanno le discariche piene di rottame di ferro, ripartendo proprio da qui per riutilizzarlo e produrre prodotti semi lavorati ( coils lamiere, e tubi) che ancora hanno un alto tasso di valore aggiunto , poco inquinante. Impianti questi che ancora rappresentano il fiore all'occhiello per lo stabilimento di Taranto.
Ma occorre una classe politica lungimirante che abbia uno orizzonte di qualche decennio e non le prossime scadenze elettorali.
Ci vogliono politici con una cultura,ma sopratutto con le palle!
E stante cosi la fine è assicurata

La forza del "al peggio non c'è mai fine"


Ma veramente potete pensare che quella manica di bricconi che sono al governo possano fare la voce grossa con una multinazionale come la MittalAncelor? Le multinazionali conoscono solo la lingua della forza. E quale armi hanno in mano questi politicanti ? La vicenda Whirlpool, fresca fresca lo dimostra Hanno una legislazione fatta dagli stessi politicanti , a favore del Capitale , hanno la forza del Capitale e il ricatto occupazionale.
Dall'altra parte cosa c'è ?
Parole ,parole, parole, demagogiche e populiste come ha dimostrato Di Maio nelle due vicende!!!
Se vogliono fare a braccio di forza il risultato è scontato
E allora?
Non resta che la loro "Ragion di Stato" che è una forma di sottomissione e l'onore di poter congiuntamente dire che hanno trovato n compromesso """ragionevole""" E inculo alla città e ai lavoratori!

4 novembre 2019

Eureka!



Incontro d'urgenza dei ministri per il caso ILVA.
Per il M5S questo dovrebbe essere il colpo di fortuna???
In campagna elettorale Di MAio in persona aveva promesso ai tarantini che l'Iva l'avrebbe chiusa e farro parco giochi per bambini.
Poi salito al governo menti, sapendo di mentire dicendo che vi era un contratto in essere e dunque se non l'avesse onorato avremmo pagato una penale! E dunque andava firmato quel contratto. Luio avrebbe voluto non firmarlo,ma vierano ostacoli legali che lui non conosceva, E dunque a malincuore avrebbe venduto!
E L'Ilva tenuta aperta. Ora gli è capitato l'occasione d'oro, Gli acquirenti non se la sentono di produrre senza l'impunità penale e dunque lasciano . Eureka!!! dovrebbe urlare Di Maio. Ora senza pagare nessuna penale può riconvertire l'ILVA , e creare il parco ecologico e parco gioco dei bambini. Cosa dirà ora Di Maio?

3 novembre 2019

Io sono Giorgia



Io sono Georgia, sono donna, sono madre sono italiana sono cristiana(?) E sti cazzi.....!!!!!

2 novembre 2019

Quando il temporaneo è per sempre

il Governo e i mass media embedded strombazzano dell'aumento di pensione che il governo ha messo o dovrebbe mettere nella Finanziaria. E solo per le pensioni al di sotto di 2030 lordo di euro!
Ma c'è l'opposizione di Di Maio che vorrebbe invece la FlatTax maggiorata per le partite iva. D'altra parte per lui si tratta di non rimangiarsi il passato visto che è stato il suo precedente governo a rinnovare quel prelievo forzoso, o meglio mancato riconoscimento del maltolto
Due visioni di quel che si ritiene giusto fare. O meglio quale ceto sociale far rientrare nel proprio bacino elettorale! D'altra parte non è stato Grillo che ha detto che i pensionati non dovrebbero votare?
Ma in realtà il ventilato aumento di pensione in realtà si tratta di una restituzione parziale dell'erosione dovuta all'inflazione. Cioè restituire parte del mal tolto lo fanno passare come aumento di pensione!!!
E voglio qui ricordare che tale norma emanata dal Governo Monti fu convalidata dalla Corte Costituzionale , ma solo in maniera temporanea. Era il 2014. Da allora la temporaneità è diventata eterna! L'importante che la si dichiari sempre temporanea
La temporaneità è come l'orizzonte. E' sempre li a vista d'occhio, ma non ci si arriva mai!

1 novembre 2019

la narrazione e la realtà!




c'è ancora chi crede o ci vuol far credere che regalare e finanziare le milizie libiche chiamandola guardia costiera significa salvare dalla morte i fuggiaschi.

Ma salvare vite che sono naufraghi per farli rientrare nei lager libici vuol dire salvare vite umane? Per fuggire da quei luoghi hanno pagato le stesse milizie libiche che adesso li riprendono per riportali nei lager e ricominciare il ciclo del ricatto.
L'accordo fatto da Minniti e difeso da Di Maio tutto questo lo sanno , ma fanno finta di non sapere. Ora rifinanziare quelle milizie aguzzini come vuole il M5S è un crimine non solo verso quelle vite che fuggono , ma è anche togliere il pane dalla bocca degli italiani!
Le milizie libiche vengono addestrate in Italia e finanziate sono fondamentali nella guerra contro l’immigrazione clandestina”per riportare nei campi di concentramento" dichiarava qualche mese fa al quotidiano la Repubblica, il “Capo” di Stato maggiore della difesa libico, gen. Abdulsalam Jadallah Al Obeidi.

Distrazione di massa con finte emergenze burka




il divieto di ingresso a volto coperto posto nella delibera della Regione Lombardia appare giustificato e ragionevole alla luce della esigenza di identificare coloro che accedono nelle strutture indicate, poiché si tratta di luoghi pubblici, con elevato numero di persone che quotidianamente vi accedono per usufruire di servizi; pertanto è del tutto ragionevole e giustificato consentire la possibilità di identificare i predetti fruitori dei servizi” Cosi la sentenza della Corte d'Appello di Milano.


Secondo questa sentenza dunque la identificazione dei soggetti deve avvenire preventivamente e non quando e se fosse necessario l'identificazione. In fondo si tratterebbe di una semplice operazione da parte delle forze dell'ordine, quella , come le perquisizioni, portare la sospettata in luogo separato e abbassarle il velo e controllare i documenti di identità. Ma se la persona è riconoscibile come professante la religione islamica automaticamente deve scattare la riconoscibilità del suo volto.
E' dunque evidente che la sentenza insieme alla legge della Lombardia contro le Moschee vada nella direzione della repressione antiislamica , senza nessuna altra ragione che non sia la lotta contro una religione e una popolazione.