29 settembre 2011

15 Ottobre 2011: Io non sono un debito.




Si stanno preparando. Il prossimo 15 ottobre ci saranno mobilitazioni in tutta Europa, nel Mediterraneo e in altre regioni del mondo. La protesta è contro la distruzione dei diritti, dei beni comuni, del lavoro e della democrazia compiuta, con le politiche anticrisi, a difesa dei profitti e della speculazione finanziaria. Le persone non sono un debito.
Anche in Italia la sfida è stata raccolta da tanti soggetti organizzati e gruppi informali che hanno dato vita al Coordinamento 15 ottobre. Che ha un blog, una pagina FB e un indirizzo Twitter.

Non vogliamo fare un passo di più verso il baratro in cui l’Europa e l’Italia si stanno dirigendo e che la manovra del Governo continua ad avvicinare. Vogliamo un’altra economia, un’altra società e una democrazia vera. Il suo obiettivo è favorire la massima inclusione, convergenza, convivenza e cooperazione delle molteplici e plurali forze sociali, reti, energie individuali e collettive che stanno preparando e prepareranno la mobilitazione con i propri appelli, le proprie alleanze, i propri contenuti. Ci impegniamo insieme a costruire una manifestazione partecipata, pacifica, inclusiva, plurale e di massa, il cui obiettivo è raccogliere e dare massimo spazio alla opposizione popolare, alle lotte e alle pratiche alternative diffuse nel nostro paese.

La manifestazione nazionale dovrebbe risolversi in un grande corteo a Roma che partirà alle ore 14.00 da Piazza della Repubblica e arriverà a Piazza San Giovanni. Ci sarebbe da aggiungere che in Italia, la divulgazione è nata anche dal sentimento popolare di forte indignazione nei confronti della nostra classe politica. Non a caso fra i promoter online dell’evento c’è il cliccatissimo I Segreti della Casta e non a caso i media istituzionali ancora tacciono sulla notizia.