21 dicembre 2011

I sette motivi per cui ci raccontano balle sull'art 18



La storiella si ripete, Prima con le pensioni ora con l'art.18.
In realtà chi vorrebbe scardinare o sterilizzare l'art 18 imputato e reo confesso per quanto riguarda l' impossibilità al licenziamento, dovrebbe fare i conti con la Legge 15 luglio 1966  n. 604 Norme sui licenziamenti individuali  modificato della legge 4 novembre 2010


  • All'art 1 così recita :......( omissis) licenziamento del prestatore di lavoro non può avvenire che per giusta causa o per giustificato motivo  ........
  • che si applicano anche ai dirigenti art 2 comma 4
  • e all'art 5 continua L'onere della prova della sussistenza della giusta causa o del giustificato motivo di licenziamento spetta al datore di lavoro.   e via di questo passo


Questo nonostante la sterilizzazione effettuata a pieni mani da Sacconi e compagnia ( e con l'ausilio e l'avvallo di CISL e UIL e il far finta di niente della CGIL)

Quindi tutto questo indica che l'art 18 in realtà è solo uno specchietto delle allodole. Un totem appunto, caduto il quale si aprirà una voragine. E' la legge 300 tutta intera, infatti, il vero obbiettivo E' questa  il terreno delle invasioni barbariche.  
Infatti, al di là degli aspetti giuridici, la battaglia che si sta conducendo a partire da Ichino che è il cavallo di Troia all'interno dello schieramento della cosidetta "sinistra" , ma in realtà da tutta la destra  ( ricordate Berlusconi del 1994 ?) gli argomenti portati per screditare l'art 18 non hanno nessun fondamento , né credibilità alcuna.
Vediamoli punto per punto


  • Si dice che l'art 18 frena la crescita. A supporto di tale tesi viene spiegato che le aziende vorrebbero aumentare il loro giro d'affari, ma poiché sono tutte sul filo dei 15 dipendenti, e poiché hanno paura che dopo, nel caso dovessero diminuire il giro d'affari , si dovrebbero tenere sul groppone i dipendenti assunti, evitano. Ciò non consente quindi l'aumento della produzione. 
  • La precarietà ( ricordiamo che tutti coloro che oggi indicano come il male la precarietà sono per la maggior parte coloro che a partire dalla legge Treu l'hanno indicata come il toccasana per l'economia italiana) può essere sconfitta con il contratto unico. Ossia tutti assunti a tempo indeterminato con la possibilità di essere licenziati dopo tre anni( ma allora che tempo indeterminato è? tutti precari , quindi, almeno per tre anni) Il datore di lavoro si impegna mantenere il lavoratore licenziato con quote di salario a scalare fino al terzo anno. Dopo di che Amen. 
  • L'art 18 della legge 300 è una anomalia tutta italiana. Negli altri paesi europei non esiste. L'Europa ci chiede di adeguarci.
  • La precarietà si combatte licenziando gli anziani e liberando posti per i giovani
Questa posizione contiene più cose non vere.
La prima
Si immagina una situazione e si prospetta una situazione economica di leggera flessione per cui basta che qualche piccola fabbricha aumenti un pò la sua produzione e l'economia crescerà. Come si sa, non è così. E non è così perché non si ricorda che il credito è fermo anzi stagnante e ammesso che la fabbrichetta voglia aumentare la produzione non gli basta solo assumere, ma ha bisogno di credito per comprare le materie prime , mezzi di produzione ed infine assumere. E si presuppone che le merci prodotte trovino uno sbocco. Ma non si dice che siamo in crisi profonda, siamo in recessione con un calo del PIL previsto dal 1,5 al 2% che è una cosa immane,che i salari sono al di sotto del minimo di sopravvivenza, che i consumi sono in netta regressione,  e non vi è mercato per le merci prodotte, l'esportazione per noi è impossibile visto i livelli dei paesi BRIC, che il mercato è in crisi di sovrapproduzione, e quelle merci rimarrebbero fermi nei magazzini, invenduti. Nessuno mai si sognerebbe di assumere in queste situazioni, e infatti non si assume più nemmeno a tempo determinato e precario.

La seconda
Dall'affermazione di cui sopra si evince che tutte le piccole e medie aziende, o una loro gran parte, siano sui 14 dipendenti o giù di li, e che quindi sono li per li per entrare nel girone della morte dei 15 dipendenti, limite fissato dall'art 18. Altra menzogna.
A gennaio 2010 l'ISTAT ha censito che la media delle aziende italiane ha 4 dipendenti, dico quattro e le imprese con meno di 10 addetti,rappresentano il 94,8%.
Quindi di cosa si sta parlando?

La terza
Ma se è vero che è l'impossibilità a licenziare ( ed ho dimostrato che questo non è vero ma se lo fosse lo sarebbe solo per il 5,2 aziende . Una assoluta minoranza) a determinare il blocco alla crescita e contemporaneamente all'aumento della precarietà, perché non si aumenta il salario dei precari tanto da potersi autonomamente provvedere a pagare i contributi, perché non gli si riconosce ferie, malattia, maternità ecc ecc i diritti che i garantiti(sic) hanno, perché non si riconoscono tutti i contributi versati senza limite di continuità. Si avrebbe così la libertà di licenziare , la flessibilità ( in Italia si hanno ben 43 forme di contratti atipici . Questa è la vera anomalia italiana) e nello stesso tempo si lenirebbe i disagi della precarietà. Ma di questo non si parla perché non è questo il contendere. Non sono i precari, per loro , il problema, ma lo specchietto delle allodole, Come quando attaccavano le pensioni.

La quarta
L'art 18 della legge 300, suffragata dall'art 1 della legge 604 del 1966 impedisce il licenziamento senza giusta causa e giustificato motivo. Cioè tutti quei licenziamenti che l'imprenditore potrebbe fare per motivazioni che vanno oltre i giustificati motivi ed interessi primari della impresa. Se una azienda subisce un calo dell'attività produttiva, per qualsiasi motivo , per contingenza , per crisi di settore o di mercato, cioè in qualsiasi caso in cui la prestazione di quel o quei lavoratori non giustificano il loro mantenimento in azienda, non vi è nessun art 18 che tenga, nessun giudice che possa costringere il contrario. D'altronde se l'imprenditore non ha spirito persecutorio per quel lavoratore licenziato , non dovrebbe avere nessun timore di questa legge.

La quinta
In sostanza si capisce bene che il contratto unico altro non è che egualitarismo al ribasso. Visto che vi sono i precari e i garantiti( sic) allora facciamoli diventare tutti precari. E' più semplice no?
Ma l'altro assioma falso è che si presuppone che entro i tre anni il lavoratore possa trovare un lavoro. Ichino , asserisce , che vi saranno tutta una serie di uffici statali, o agenzie di ricollocamento che potranno consentire di riqualificare e ricollocare l'ex lavoratore, nei tre anni. Ma allora se così è, o sarà, perché la Fornero non incomincia da subito a far funzionare questi uffici ed agenzie? E non si capisce come mai , visto che il tasso di disoccupazione in Italia è uno dei più alti in Europa, non si da spinta alla nascita di questo toccasana scoperto da Ichino? Se diventa necessario che queste agenzie funzionino che le si facciano funzionare da subito senza aspettare l'eliminazione dell'art 18( e in contemporanea anche l'art 1 della legge 604/66)  che interesserebbero solo una minoranza di lavoratori e per giunta licenziati per evidenti e manifeste discriminazioni.

La sesta
Ma il clou della legge Ichino e Fornero sta nell'assioma  totalmente falso. Poichè questa legge funziona in Danimarca, e negli altri paesi d'europa, non si vede perché non debba funzionare anche in Italia. Intanto non si dice come funzionano i servizi sociali , il welfare in Danimarca, l'assistenza all'infanzia,agli anziani, il costo della casa,dei trasporti, il salario minimo garantito ecc ecc. Insomma il contesto sociale. Ma si estrapola solo ciò che fa comodo, e non si dice nemmeno che proprio quest'anno il nuovo governo danese sta pensando di modificare proprio questa legge del contratto unico e proprio sulla parte della flessibilità in uscita. Chi perde il lavoro negli altri paesi d'europa riceve assistenza e un salario minimo garantito, i suoi figli continuano ad andare a scuola, le università sono realmente gratuite ed accessibili, la casa è garantita ad un affitto quasi ridicolo. E questo per tutti i lavoratori licenziati


La settima
E' molto strano, ma si sa chi dice le bugie deve avere anche una memoria lunga. Ma per le pensioni ci hanno detto che allungando l'età pensionabile si sarebbe dato una prospettiva di lavoro e quindi diritto alla pensione per i giovani. Cioè gli anziani devono lavorare di più e visto che nuovi posti di lavoro non se ne creano, i giovani non possono che stare alla finestra ad aspettare. Qui si che sarebbe utile far andare in pensione gli anziani prima, magari con l'obbligo, per i datori di lavoro, di assumere giovani precari. Ora invece ci dicono che invece di far andare in pensione gli anziani, li licenziamo così da liberare posti di lavoro. Ed ecco che il gioco è scoperto!



Naturalmente stanno giocando con carte truccate, e lo scopo finale è quello , non tanto o non solo della libertà del licenziamento , che come abbiamo visto è già oggi possibile, e le cronache ce ne danno dimostrazione giornalmente, quanto quello di mettere i lavoratori sotto scacco, eliminare tutti gli strumenti giuridici, sindacali, legali, per un minimo di protezione sociale. Più il lavoratore italiano è senza diritti e senza difesa più assomiglierà agli immigrati clandestini più si ingrosserà l'esercito di riserva.