7 giugno 2012

Ma qual'è la strategia?

 
A leggere le manovre già passate e quelle in essere ( la licenziabilità liberalizzata anche per la PA) sembrano manovre senza un disegno preciso o quantomeno dettati da disegni oscuri diversi da quelli annunciati ad ogni piè sospinto.
E' chiaro a tutti, ormai, che il taglio delle pensioni con la lotta alla precarietà non c'entra nulla, nè tantomeno con il debito pubblico. Ossia c'entra nel senso che sarà il salario differito dei lavoratori a finanziare le casse dello Stato,
che l'abolizione dell'art 18 chiamata pomposamente "flessibilità in uscita" altro non è che libertà di licenziabilità individuale senza se e senza ma e che con la Crescita nulla a che fare. E la famosa flessibilità in ingresso che doveva preservare dagli abusi è rimasta tutta invariata con l'aggiunta di una nuova forma ( e siamo a quaratant'otto,) quella dell'apprendistato. E tutto questo fa il paio con il famoso art 8 del collegato lavoro legiferato dai loro precedessori Sacconi e Berlusconi, che di sicuro porterà a trasformare i sindacati da strumento a difesa dei lavoratori a strumenti a sindacato aziendale di mercato,  un sindacato di mercato, sempre più di “servizi”intermediario di quei residui servizi che si salveranno dai tagli al welfare..
Ma non è finito .
L'aumento delle tasse sono tutte indirizzate verso i ceti medio bassi , visto che di patrimoniale non se ne parla e di seri provvedimenti contro la seria evasione fiscale non c'è traccia.

 Ma parliamo delle pompose Liberalizzazione
Queste in maniera molto propagandistica e ideologica si sono tradotte in un attacco, su quei settori di lavoratori autonomi di “prima generazione”, e su settori soprattutto della distribuzione e della logistica, provvedimenti che fondamentalmente servono a produrre concentrazione, ingrandimento delle imprese, ingresso delle grande imprese della logistica in questi settori con una salarizzazione di fatto, se non formale, dei piccoli produttori con il loro piccolo capitale. La  proletarizzazione dei ceti medi produttivi . In termini marxisti

Un ulteriore pezzo grosso arriverà: i tagli e le ristrutturazioni, mai da separare perché vanno insieme, con la
spending review i tagli sulla sanità e alla spesa statale per i servizi sociali erogati dagli enti locali ai vari livelli, dove il pezzo grosso è comunque quello della sanità, e poi si prevedono interventi su scuola e pubblico impiego, che non saranno salvati dall’ondata ristrutturatrice. Nel frattempo si sono procurati l'alibi della legge sul pareggio di bilancio in Costituzione che li preserverà da possibili spinte legaliste per l'aumento della spesa pubblica per servizi e welfare.

Gli
ammortizzatori sociali: anche qui si è puntato a eliminare le varie tipologie di cassa integrazione, in realtà si è conservata la cig ordinaria per le resistenze non solo e non tanto sindacali quanto in questa particolare contingenza soprattutto confindustriali, e anche per le preoccupazioni rispetto alle possibili conseguenze sociali Anche qui la direttrice è chiara: eliminare l’indennità di disoccupazione e la cassa integrazione, in cambio di cosa? Assolutamente fumo , fumo senza arrosto


Il tutto ormai in un contesto in cui la scusante è il debito pubblico. Ma che di pubblico non ha nulla visto che l'avanzo primario è in crescita e che il bilancio al netto delle spese per interessi è in netto attivo. Allora il debito, come ormai tutti gli economisti lo affermano è debito privato, è debito della bilancia dei pagamenti e debito di importazioni rispetto all'export. La spese per il welfare è nettamente al di sotto rispetto alle entrate e il taglio di questa è solo per fare cassa.


Ma allora qual'è la strategia?

Ma sicuramente alcuni risultati sono evidenti:

  • abbattere ogni residua capacità di difesa non individuale del lavoratore e della lavoratrice
  • abbassare i salari, perché quando sei ricattabile e licenziabile individualmente è ovvio che la pressione aumenta,
Il che significa che devi lavorare di più, lavorare in condizioni peggiori, lavorare per meno - proprio in relazione ai tagli sul welfare attivarti ancora di più per la tua riproduzione che tu sia uomo o donna, giovane o anziano. La cifra profonda è, per creare queste condizioni, separare il lavoratore dall’impresa e buttarlo direttamente sul mercato.
Ed inoltre si ha l’affermazione che il lavoratore deve scordare di aver un “titolo di proprietà” sul posto di lavoro; la proprietà è sacra, in suo nome si salvano le banche ecc. ma non provate a applicare questo format al posto di lavoro.
Il lavoratore è solo , isolato , unico individuo di fronte al mercato .