20 giugno 2014

La rivoluzione renziana... il fisco amico!


Piano piano che si definisce il famoso “ aboliremo il 740” nei dettagli si scoprono le magagne , il botto che si nasconde dietro i fuochi pirotecnici. Intanto il “per tutti” si è ridimensionato nel solo dipendenti pubblici e pensionati. Naturalmente  “ per il momento” che poi, si sa come vanno le cose, diventerà per sempre. La famosa politica dei due tempi di atavica memoria.
Naturalmente si ricorre a questi lavoratori come cavie perché è più facile , visto che l’agenzia delle entrate e l’amministrazione sanno tutto di questi lavoratori e quindi la precompilazione viene facile. Se , e sottolineo se, siamo in presenza di persone fisiche con un solo reddito, derivato o da pensione ( dati INPS) o stipendio/salario ( amministrazioni dello Stato) , ma di quale semplificazioni stiamo allora parlando visto che questi lavoratori nella stragrande maggioranza non presentano il mod 730? Di quale fisco amico e lotta all'evasione visto che codesti pagano tutto e pagano certo!?
E qui casca l’asino o meglio arriva il botto dei fuochi pirotecnici.


Vi sono le detrazioni/esenzioni soprattutto dovute alle spese mediche ecc ecc. Quei lavoratori di cui sopra , che saranno “agevolati” ( ricordate questo termine)  dalla semplificazione del precompilato sono coloro che hanno sostenuto una spesa sanitaria o spese deducibili che superano il tetto minimo e di quel tanto sufficiente a far superare, dal punto di vista della convenienza,  la difficoltà e le “intemperie” delle code presso CAF o commercialista.
Al contempo però  vi per la pletora di spese deducibili e agevolazioni (spesa sanitarie, previdenziali, assicurative, sconti mutui, ristrutturazioni, ecc. e persino per gli ormai leggendari 80 euro ne sono previste circa 30 per far rientrare anche coloro che superano i 26 mila euro) portano ad un mancato incasso per imposte da parte dello Stato di circa 260 miliardi di sconti e bonus.
Questi i precedenti e i fatti!

Quando affermo che Renzi è solo la prosecuzione con altri mezzi della politica degli ultimi, almeno, vent’anni , ne ho la riprova anche in questo caso.
Della “necessità” di abolire o ridurre questa giungla di deduzioni, bonus se ne parla fin dal 2011.  La “tax expenditur” ( come al solito inglesismi per non far capire una mazza) la definì  Ceriani ( BankItalia) e se ne parlò anche nell’audizione finanza e tesoro del senato. (http://www.bancaditalia.it/interventi/altri_int/2011/franco-ceriani_13102011.pdf). Secondo questa teoria l’evasione fiscale in Italia è dovuto alla giungla di deduzioni e bonus che gravano sul nostro sistema tributario. Una teoria come un’altra. Peccato che è sempre rivolta però ai soliti noti. Ma questo è un dettaglio. Quale era allora l’idea, oggi attuata da Renzi? Quella di togliere tutto e dare un bonus ,forfettario calcolato in base alla componente famigliare. Più numerosa è la famiglia più è lo sgravio fiscale.
Detta cosi passerebbe una riforma? Sarebbe favorevole solo la parte politica rappresentata dall’NCD ( democristiani in pensieri e parole) da sempre con il pallino del “quoziente familiare”
Assolutamente no. Ed ecco che il “genio” renziano ha inventato “aboliremo il mod 740!”
Detta cosi certo che passa la riforma !
Spediamo il precompilato, mettendoci dati anagrafici e reddito del CUD , poi diamo in funzione del carico famigliare ed altri parametri al momento sconosciuti, un tot per agevolazioni, deduzioni ecc. ecc .. prendere o lasciare. Se lasci devi rispedire contestando ed entrando in un ginepraio di corsi e ricorsi. Se prendi  è un condono sotto mentite spoglie. Verrai liberato da qualsiasi altra contestazione o accusa di errori o omissioni da parte dell’Amministrazione Equitalia o qualsiasi altro ente vessatorio.
E cosi si stima si recupereranno circa 20 miliardi. Poca cosa rispetto ai 260 miliardi di cui sopra, ma “OGNI PIZZICA GNORICA” ( ogni pietruzza serve per raggiungere l’obbiettivo) , ma soprattutto si incomincia a dare mano a quella riforma del fisco atto a eliminare ogni residuo di proporzionalità e a centralizzare il controllo e la governance sulla popolazione governabile.
Si perché quello che viene definito sotto questo termine era un palliativo per alleviare la non proporzionalità delle imposte, per alleggerire il carico fiscale sulle fasce meno abbienti e più bisognose. Metodo non esaustivo, certamente poco efficiente, ma almeno metteva in campo quel minimo di contrato di interessi.  Quando si andava dal dentista e ti veniva chiesto “ con o senza fattura?” Potevi sempre dire “con, cosi me la scarico”. Domani a cosa servirà quel pezzo di carta! Solo a fare battaglie idealiste di moralità civile. Ben poca cosa!

Invece del contrasto di interessi , invece di rendere personale e responsabile la tua dichiarazione , invece di mettere a confronto gli interessi di chi non vuole dichiarare e quindi pagare( che non è un “peccato” ma che è legittimo. MA che va contrastato)  e di chi invece è costretto a pagare e non può evadere ( metodologia perseguita in tutti i paesi in cui l’evasione è al minimo fisiologico, anche, e non solo, per questo) La nostra rivoluzione va nel segno contrario. Va nel segno della restaurazione, del “Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato a dato, scurdamoce o' passato. ..”

Questa è la rivoluzione Renziana