24 novembre 2015

False Flag anche in questo attentato




Ho sempre rifiutato le teorie complottiste, come il Grande Vecchio che si nascondeva dietro fatti inspiegabili, sopratutto negli anni '70.
Ma negli ultimi attentati alcuni episodi sono molto strani e perlomeno se volgiamo catalogarli come combinazioni, queste diventano molto e troppe coincidente da poter essere considerati tali.
Sull'attento a Charlie Hebdo ormai sono stati scritti fiumi di inchiostro sulle "stranezze" mai chiarite.
Ma riprendendo anche l'ultimo attentato a Parigi non è che le cose mi sono tanto chiare. Non sarà complotto, ma sicuramente la puzza del False Flag è forte.


  • il Dr.Patrick Pelloux era un “sopravvissuto” degli “spari a Charlie Hebdo” che si è trovato casualmente anche sulla scena dell’ultimo attentato, cosa che di per sè sarebbe una coincidenza, Pelloux ha dichiarato che una esercitazione di “attacco a diversi luoghi in simultanea” era in corso proprio durante gli spari! 
  • un passaporto Siriano è stato magicamente rinvenuto su una delle scene degli attacchi, sul corpo di un attentatore. Coincidenza , ma anche nell'attentato dell 11 Settembre un terrorista aveva addosso un passaporto Corpo e passaporto atterrati intatti sulle macerie sottostanti nonostante il fuoco e le fiamme che sciolsero l'acciaio della struttura del grattacielo, ma nulla poterono contro quel corpo e quel passaporto. E lo stesso ritrovamento di una carta di identità smarrita dentro un'auto utilizzata dai terroristi di Charlie Hebdo in fuga. Ora è normale per questi terroristi sconosciuti da tutte le polizie del mondo che vanno a fare attentati portandosi dietro documenti di riconoscimento? 
  • Alcuni terroristi noti alla polizia francese per precedenti come il 26enne Salah Abdeslam, di Bruxelles, lasciato entrare liberamente Dal ’Daily Mail: è emerso che nella notte di Domenica la polizia Francese abbia interrogato Abdeslam mentre passava il confine Belga e lo abbiano lasciato passare dopo che esso ha mostrato loro la sua carta d’identità. 
  • Uno dei terroristi prima di morire sembra che abbia gridato "questo è per la Siria. Riferendosi evidentemente ai bombardamenti fatta dalla Francia alla Siria. Ma allora avrebbero dovuto fare l'attentato in Russia e non in Francia. La Russia ben prima della Francia ha bombardato l'ISIS infliggendo duri e pesanti perdite 


E questi sono solo alcuni delle stranezze che questo, come tutti gli attacchi terroristici imputati all'islamismo in generale , suscitano.