15 settembre 2016

Si chiede non speranze , ma certezze!


Nasce un'altra faida all'interno del M5S a Roma.
La Lombardi una dirigente storica e facente parte del mini direttorio di Roma, poi auto sospesa, scende in campo a levarsi il sassolino dalla scarpa e indica in Marra, uomo di fiducia della Raggi come non lo spermatozoio del movimento, come si era definito lui stesso, ma il virus che ha infettato il movimento.
E se lo dice lei!
Chiede trasparenza alla sindaca e chiede di vedere i curriculuae vita via maestra per le nomine finora tenute segreti.

Anche lei fa parte dei poteri forti?

Si stanno a scannà fra di loro e i poteri forti avversi non hanno sparato nemmeno una cartuccia , ancora.
Dopo tre mesi circa ancora non si sa quando e come verranno riparate le buche , il piano di risanamento ed efficienza dei trasporti pubblici, il piano e la pianificazione per la raccolta dei rifiuti. Non che si doveva risolvere i problemi come aveva promesso la Raggi entro la fine di Agosto, ma solo come sperano di poterlo fare!
Solo sapere come e se e con quali risorse , lentamente certamente visto lo ostato comatoso in cui versa la città, risanarla.
Si chiede non speranze , ma certezze!