11 novembre 2016

Non ci sono più le mezze stagioni!




A discorrere con i "sensitivi" o con " quelli che ho la sensazione che" o con quelli che " basta l'onestà e un paio di scarpe nove che" è fiato sprecato.
Come si ha non la "percezione" ma la verità scientifica che la povertà sta aumentando in Italia , ma sopratutto il differenziale fra i ricchi e i poveri.
Cioè che aumenta la differenza di reddito fra quelli che sono benestanti e quelli che chiamiamo indigenti!
I termini marxisti si dice che la piccola e media borghesia si proletarizza, e la differenziazione delle classi si accentua.
"Non ci sono più le mezze stagioni! "
Scientificamente vi sono vari parametri di econometria, fra questi in tutto il mondo, riconosciuto come indice di Gini. Questo indice va da 0 la perfetta uguaglianza di reddito e l'1 la perfetta disuguaglianza.
I grafici che pubblico non hanno bisogno di commento.
Ma mi si potrà dire "che scoperta? lo sappiamo che c'è la crisi! "
No la crisi non centra nulla, teoricamente!. Ossia la crisi di per se non dovrebbe determinare l'esponenziale differenziazione dei redditi.
Ma ogni commento dovrebbe essere superfluo. I dati si leggono da soli. O dovrebbero!
Dal rapporto Istat 2016 http://www.istat.it/it/files/2016/04/Cap_5_Ra2016.pdf