24 novembre 2010

Approfondimento dal Mondo del Lavoro


PROCESSO THYSSENKRUPP: UDIENZA DEL 23 NOVEMBRELa seduta odierna si apre alle
ore 9:30 e prevede la settima parte della requisitoria del pm.
Il procuratore Guariniello, nella prima parte dell'udienza, continua la sua
esposizione del tema che riguarda la "cultura della sicurezza": tutta la sua
trattazione è volta a dimostrare la responsabilità del datore di lavoro - in
relazione ad un infortunio - se questi viene meno all'obbligo (che la legge
definisce personale, indelegabile ed esclusivo) di redigere il documento di
valutazione dei rischi, e di individuare le misure di protezione e
prevenzione.
Proprio a questo riguardo, va ricordato che - seppure questo adempimento è
parte integrante dei poteri del datore di lavoro - nemmeno i suoi
sottoposti, in particolare il Responsabile del servizio prevenzione e
protezione (nel nostro caso Cosimo Cafueri), possono sentirsi esentati da
tale obbligo per il solo motivo che il datore di lavoro abbia avocato a sé
le decisioni in tal senso.
La seconda parte della seduta, che ha luogo dopo un'ora circa di pausa, è
occupata dall'esposizione, da parte della sostituta pm Laura Longo, del tema
riguardante l'individuazione dei soggetti realmente responsabili della
società, gli 'executive members of the board' - l'ad Harald Hespenhan ed i
consiglieri delegati Gerhard Prignitz e Marco Pucci - responsabili dei reati
a loro ascritti (Hespenhan: omissione dolosa di cautele antinfortunistiche,
incendio doloso, omicidio volontario con dolo; Prignitz e Pucci: omissione
dolosa di cautele antinfortunistiche, incendio doloso, omicidio con colpa
cosciente) in quanto soli membri dell'organo decisionale dell'attività della
Thyssenkrupp Acciai Speciali Terni.
La prossima udienza si terrà venerdì 26 novembre, mentre - per quanto
concerne le richieste del pm - pare che queste saranno formalizzate nella
seduta di venerdì 10 dicembre (la certezza della data, però, la si avrà
soltanto martedì 30 novembre).
Torino, 23 novembre 2010