28 gennaio 2013

Ma il redditometro deve far paura?


Intanto registro che tutti i partiti, ma tutti, qualche mese fa parlavano a favore del redditometro. La lotta all'evasione deve essere fatta su una operazione algebrica fra entrate ed uscite.
Ora avete sentito qualcuno in questa campagna elettorale che parla di questo nuovo strumento che sta diventando un incubo per i cittadini?
Ancora un piccolo inciso.
Non è assolutamente vero che i pensionati saranno esclusi. Perché anche i pensionati se avranno una partita doppia in negativo ( più uscite rispetto alle entrare) saranno anch'essi colpiti.
Bene! Detto questo andiamo al nocciolo.
Da quel che ho capito e da quello che ho potuto registrare ,tutti i cittadini, o quasi tutti, sono sottoposti ad un controllo con quello che percepiscono ( debitamente registrato) e quello che spendono ( anche qui debitamente registrato) Nel caso di una discrepanza ...beccati sta multa e sta a te dimostrare il contrario. Intanto anche qua succede come quando fai ricorso al giudice di pace. Intanto paghi un obolo, ( credo che ad oggi sia arrivato a 90 Euro, anche se la multa è di 50 Euro) a fondo perduto. Indipendentemente se poi dimostri se hai avuto ragione e che la pubblica amministrazione ha sbagliato. Quell'obolo è pagato e pace ai suonatori
Tralascio per il momento lo spirito con cui è stato concepito questo strumento. Sarà  oggetto di un'altra mia riflessione

Ma questo strumento cosa porterà come conseguenza?
Beh se la chiave di volta è una somma algebrica questa darà un risultato pressoché uguale a zero o positivo non porterà sicuramente a costringere ad aumentare le entrate  registrate che dovrebbe essere lo scopo per colpire le evasioni fiscali.,ma a diminuire le registrazioni delle uscita e contemporaneamente ad aumentare le entrate non registrate. Cioè esattamente il contrario per una lotta efficace all'evasione fiscale.
Altra conseguenza è che con questo strumento si colpirà ancora e sempre il soliti fessi.
Si perché il grande evasore che ha lo Yacht (lo metto in maiuscolo perché è di grande dimensione) e che va in vacanza nelle isole caraibiche, ha tutto registrato in nome della società , magari registrata in qualche paradiso fiscale e con contabilità falsificate, tanto è tutto legale e legalizzato! Lui sarà congruo ( neologismo che entrerà nel linguaggio corrente)
Come è successo quando sono andati i finanzieri  a Cortina con gran battage pubblicitario e alla fine non hanno beccato uno che dico uno degli evasori. In quanto tutti hanno dimostrato che la loro Porsche era della società, e i commercianti passato quel giorno hanno continuato a non emettere scontrino fiscale.
Ma non è finita qua.
Supponiamo che un giovane precario che è "congruo"  , deve affrontare una sua necessità e chiede in prestito i soldi al proprio genitore.( cosa normalissima e frequentatissima)  Cosa succederà? Che quel giovane precario non sarà più congruo e non solo si dovrà spogliare del pudore , ma non sarà neanche creduto! Come fare a dimostralo? Sulla parola? Intanto paghi e poi si vede!

E se il ricco( o anche medio) evasore , ma che risulta congruo pensate che chiederà la ricevuta fiscale che so dal dentista ?
Alla fine gli evasori continueranno ad essere evasori, al riparo e difesi dalla legge e dalla legislazione. E il povero fesso o sarà costretto a entrare nel giro del nero, o sarà costretto a pagare per il non dovuto.