9 novembre 2013

Eccone n'altro col credito di cittadinanza!



Di tanto in tanto qualcuno lo rispolvera, ci mette del suo, e cosi via giocando al populismo di rimpiattino che è un gioco antico, ma che sta acquistando credito e va tanto di moda oggi. Fa tanto "antipolitica" che è altrettanto di moda e altrettanto un gioco antichissimo, specialmente in periodo di crisi strutturale sistemica.
Solo da pochi mesi in Parlamento risiedono almeno tre progetti di legge. Uno di SEL , uno del PD, ed uno l'ha annunciato Grillo e aspettiamo che la rete l'approvi per poi essere depositata in Parlamento . Ma intanto l'effetto annuncio fa scalpore. Poi se veramente verrà depositata e quando non ha nessun valore
. Diventa un optional.
Essendo l'ultima in ordine di tempo, ma certamente non l'ultima vediamo cosa propone.
Intanto viene presentata nella sua valenza di forma come se questo bastasse ad avere anche valore.Sarà la prima, viene propagandata, legge ad essere proposta dalla rete e discussa da milioni di cittadini. Mah! per adesso è solo una speranza sia nei numeri che nella sostanza. Ma questo , in ogni caso , non vuol dire nulla, Anche una pessima legge (naturalmente per chi la consideri tale) anche se discussa in rete non certamente diventa ottima. Se è pessima rimane pessima.
Chi ne può usufruire?
Tutti coloro che sono disposti a fare qualsiasi tipo di lavoro , anche il più pessimo e degradante, anche a qualsiasi salario. Tanto poi sarà integrato dal reddito fino al raggiungimento dei 600 euro. E se uno rifiuta? Niente da fare.
Tutti?
Si proprio tutti. Persino pensionati .
E gli immigrati?
Al tempo! Poichè ( Grillo e Casaleggio insegnano) che gli immigrati sono cittadini di serie "B", loro possono usufruirne solo se dimostrano che abbiano lavorato per almeno due anni e per almeno 1000 ore "in regola". E quando mai!
Il reddito di cittadinanza lo possono usufruire anche i lavoratori autonomi che dimostrano un reddito nell'anno precedente inferiore ai 600 Euro. Cioè dentisti, gioiellieri, avvocati, imprenditori, che notoriamente vivono sotto il livello di povertà.
Si ma per finanziare questo provvedimento , i soldi da dove si prendono?
E qui viene il bello , dove i fuochi d'artificio sono anche migliori di quelli di Fuorigrotta!
Calcolano che gli aventi diritti dovrebbero essere circa 9 milioni. Milione più milione meno E che servono 19 miliardi all'anno.
Non si capisce come viene fuori questo calcolo. Infatti Fassina ne prevede 30 di miliardi. Insomma si danno i numeri a vicenda.
Ma da dove si prendono questi soldi?
Ma naturalmente dai soliti fondi di spesa, ogni volta invocate, ma che nessuno mai sarà in grado di riscuotere. Naturalmente la lotta all'evasione, l'azzeramento delle spese militari (F35 in testa), la spending review, le tasse sui giochi, un contributo degli stipendi e pensioni d'oro ( che ogni volta si propone e ogni volta viene bocciata dalla Corte Costituzionale)  e dulcis in fundo.....far pagare l'IMU al Vaticano !

Insomma  demagogia allo stato puro, propaganda e pura campagna di proselitismo.
Perché a prescindere dei conti che non mi tornano, a prescindere che non si dice  con quali forze politiche si potrebbero realizzare tutte queste cose minimali, ma veramente si spera che con il reddito di cittadinanza si risolva lo stato di disoccupazione, di indigenza dei lavoratori? Si pensa che il debito pubblico si risana con questi provvedimenti, che cosi si trovino i 50 miliardi di euro all'anno per vent'anni che da quest'anno dobbiamo pagare alla UE, che si supera lo scoglio del 3% del fiscal compact che impedisce qualsiasi intervento per produrre lavoro?

Mi si dirà , ma questo è solo un inizio, una goccia in un mare di.... merda ( perdonatemi il francesismo)
Ma veramente si pensa che si possa ancora continuare con piccole gocce di niente, di pura fraseologia? Continuare col menopeggismo ?
Io credo di no!