18 febbraio 2014

Ma cos'è il Senato renziscuniano?


Il tema è lo stesso. Cosa cambia nel panorama politico,  squallido, con l'arrivo del rottamatore che tutto rottama per non cambiare nulla? Secondo me è solo una accelerazione in chiave efficientistica di quel che già c'era. Un avanzo del belusconismo in chiave "moderna" e giovanile. Il responso da parte del "mercato" della "finanza" e quindi dei mass media sono all'unisono per un credito di fiducia. Lo Spread scende, la Borsa segna segnali positivi, va tutto bene madama la marchesa. Ora aspettiamo a dare un giudizio definitivo. I presupposti, comunque ci sono tutti. Comunque. 

Ma prendo in esame uno dei provvedimenti che ha annunciato il boy scout della politica. La riforma del Senato. Dubito fortemente che giunga a termine, questa riforma. I senatori dovrebbero votare la loro condanna a morire da semplici cittadini o a trovarsi un altro posto al sole. Mah! Ma al di la di questo mio scetticismo al di la se andrà in porto o meno quel che mi interessa sottolineare è in cosa consiste la supposta rivoluzione efficientista del renzusconi. 

Una Camera delle autonomie nella quale siano membri di diritto i presidenti di Regione, delle province autonome di Trento e Bolzano e i sindaci capoluogo, integrata da venti senatori di nomina presidenziale 150 persone, non stipendiate e titolari del potere legislativo in una complessa gamma di materie, che spazia dalla revisione costituzionale, alla Legge di stabilità, dalla legge comunitaria alle materie concorrenti Stato-Regione, fino a giungere al concorso nell’elezione degli organi di garanzia, a partire dal presidente della Repubblica.
Insomma una assise con forte potere legislativo , il nuovo Senato avrà molte delle funzioni di quello attuale, ma non una base di legittimazione diretta, ma solo di nominati. 
E' questa la vera motivazione della riforma renziberlusconiana. Togliere rappresentatività  e dare autonomia al potere politico. E' questo il motivo di tanto entusiasmo nei poteri che contano. L'autoritarismo democratico che avanza, questo è il nuovo!