26 febbraio 2014

Perché è importante Renzi e il renzismo per capire la realtà


Cercando di parlare su Renzi ( Il rottamatore nel senso di colui che ricicla il rottame! )  per cercare di capirne il significato del renzismo , spesso sono stato accusato di parlare di vacuità tralasciando la sostanza delle cose. Io ritengo invece che parlandone, naturalmente non per fare gossip,  ma come fenomeno politico e sociale, sia guardare e capire la trasmutazione del politico in Italia 

 Ormai con l'avvento del renzismo il PD ha passato il guado anche formale di quel passaggio a Nord Ovest che ha avuto il suo primo strappo con la Bolognina di Occhetto, ma che , secondo me, traeva origine in quel che fu il compromesso storico e ancor prima la via italiana al socialismo. Oggi è avvenuto il trapasso anche da un punto di vista delle parole, delle immagini e dell'immaginario collettivo. Non lo si nascone più attraverso termini dal doppio significato. Tornare indietro il PD non lo può più e la sua strada sarà sempre più nella trasmutazione verso un partito o immagine di partito sempre più all'americana ( tanto per intenderci) , più  personalizzato nel suo leader sempre più come comitato d'affari che trova i suoi momenti di vita aggregata nei momenti di consultazioni elettorali vissuti come campagne di marketing (una sorta di primarie allargate) di questo o quel candidato alla guida, sponsorizzato, foraggiato e finanziato apertamente da questa o quella lobby da questo o quel potentato che ne guiderà e ne condizionerà scelte e percorsi. 

Apparentemente questo da l'idea di un avvicinamento dei cittadini ( uso un termine di democrazia liberale) alle istituzioni democratiche. In realtà questo è invece un trapasso e un crollo nella fiducia in esse. E' propria la sfiducia ( tra l'altro ben riposta) in esse per cui i cittadini cercano e sperano di trovare in un leader, in un capo le risposte che quelle istituzioni non possono più dare. Lo era già nel berlusconismo, più dirompente con il grillismo ma con Renzi e il renzismo questa trasmutazione si è completata passando attraverso quello che ai più sembrava l'ultima spiaggia. Il PD. L'ideologia è caduta , scomparsa per apparire in tutto il suo splendore e la sua potenza persuasiva! Destra sinistra, valori e idea di mondo , modificazione della realtà e  rapporti di produzione non esistono più sono obsoleti non vengono non solo più percepiti, ma nemmeno più capiti figuriamoci interpretati. Insomma è la fine della Politica sostituita, sussunta dall'economia e dalla gestione dell'esistente. Il domani che ci aspetta non sarà più come prima. E chi si illude che con qualche iniezioni di parlamentari sia a livello nazionale che sovranazionale si possa sopravvivere, si faccia passare le illusioni, con questa aria che tira! L'alternativa va cercata altrove!