20 ottobre 2015

Non mi curo. E' da ricchi



Censis: il 41,7% delle famiglie costrette a rinunciare a cure sanitarie
Inoltre, gli italiani pagano di tasca propria «il 18% della spesa sanitaria totale - cioè, oltre 500 euro procapite all'anno - contro il 7% della Francia e il 9% dell'Inghilterra».
La causa è nelle lunghe liste di attesa nella sanità pubblica e dei costi proibitivi di quella privata, «nel 41,7% delle famiglie almeno una persona in un anno ha dovuto rinunciare ad una prestazione sanitaria».
E con la manovra dei tagli del DEF , con il taglio di ben 208 analisi e visite specialistiche il dato aumenterà.
E la stessa ministra Lorenzin sa , per una sua inchiesta commissionata al’Agenas, l’Agenzia per i servizi sanitari regionali, indagine condotta in 14 regioni italiane per un totale di 29 ospedali che le spese per lavanderia, riscaldamento o mensa raddoppiano o addirittura triplicano da un ospedale all’altro. Personale amministrativi assunto a palate negli anni che gonfia a dismisura le piante organiche. mentre mancano medici ed infermieri per i servizi di pronto soccorso.
Di fronte a questi dati o si è criminali oppure corrotti e criminali al contempo. La stupidità o la incopetenza non regge come ipotesi di spiegazione