9 maggio 2017

Un male tutto italiano?

Il trasformismo come malattia italiana? NO!
Certo noi siamo i migliori, i più esperti, quelli che cambiano casacca come se fosse biancheria intima, senza pudore e anzi rivendicando il salto sul carro dei vincitori, ma gli altri degli altri paesi non sono da meno

Francia, Valls lascia i socialisti: partito morto, alle elezioni di giugno nelle liste di Macron

Allora il male della politica è un fatto solo del nostro paese? La si può combattere solo cambiando gli uomini che ora siedono sulle poltrone con altri che bramano nel volerne prendere il loro posto?
O invece è il risultato, il "precipitato" di una condizione prima di tutta economica, sociale che coinvolge quanto meno l'Europa tutta?


Io un pensierino su questa considerazione la farei!