7 giugno 2017

discutere sul sesso degli angeli!

Si è aperto un dibattito in rete  che ha del surreale!

Il casus belli è partito dalla sentenza della Corte di Cassazione in cui consente al capo dei mafiosi Riina di poter avere i domiciliari. Per una morte dignitosa
Un grande cortina fumogena, familiari delle vittime, pietismo , vendetta, e molti altri sentimenti, e sentimentalismi hanno invaso il dibattito. In un grande cocktaill fra idealismi , spirito di vendetta e la voglia di occhio per occhio mai sopita, da un lato e dall'altra ( pochi per la verità) il diritto di non infierire su un corpo anche se appartiene ad un criminale mafioso

Bene!
Guardiamo la cosa con mente sgombra e prima di condizionamenti moralistici

Come mai quest'atto di clemenza verso quel criminale e nessuno verso comuni omocidi condannati anche loro a più ergastoli?
Come mai viene preso a cuore le condizioni igienico sanitari di un prigioniero eccellente e silenzio assoluto per gli altri migliaia di altri detenuti, anch'essi malati, sofferenti ma che rimangono dentro?
Qual'è la differenza?

Gli altri non sono capi di Mafia e sopratutto non hanno canali privilegiati per trattare con lo Stato la propria liberazione!!!

Fin dall'intervista del figlio di Riina a Porta a Porta, e poi in seguito, vi sono stati svariati messaggi, "pizzini" inviati allo Stato da parte della Mafia.
Oggi lo Stato risponde attraverso la Corte di Cassazione.
La trattativa non è mai terminata, e lo Stato rimane ancora sotto scacco. Chi comanda è ancora la Mafia e detta le sue condizioni.
Se Riina rimane al 41bis la Mafia risponderà come sa rispondere lei. Se lo Stato libera Riina non potrà più liberarsi dal ricatto , questa volta, di mettere in piazza, di rendere pubblica la trattativa stessa.
Come è già successo una volta!

Tutto il resto è solo fuffa, discorrere sul nulla , discutere sul sesso degli angeli!