11 luglio 2018

Morire combattendo o perire inermi?

Il M5S passa al contrattacco e cerca di frenare l'irruenza di Salvini. Persino Toninelli richiamato all'ordine di partito si fa più morbido sul tema. Salvini stava pisciando fuori dall'orinale invadendo compiti e terreni del ministero dei trasporti e della difesa. Ma sopratutto stava prendendo troppo l'iniziativa e l'immagine da primo della classe.
Questo tentativo di prendere le distanze politiche insieme al tentativo della tirata di orecchie da parte dell'ignavo Conte servirà a frenare l'irruenza di Salvini?
Io non credo. !
Si sono troppo sputtanati nel seguirlo nelle sue prime uscite, e anche se le giravolte grilline non stupiscono più , pure l'impressione di forti contrasti fra le due anime del governo è evidente.
Rimane comunque l'immagine di un uomo forte rispetto ad una compagine che arranca e non sa ancora che pesci prendere e che atteggiamento assumere. Compagine con il più alto consenso popolare fra i due, ma che è rimasto succube del primo della classe.
Il tiro alla fune è ancora a vantaggio di Salvini, l'iniziativa è tutta sua, e ai grillini rimane forte ancora più di prima la voglia di rompere il patto ed andare alle elezioni , pensando di salvare il salvabile, o morire come una cavalleria sotto il fuoco battente di un nido di mitragliatrici e di panzer divisionen ?
Morire combattendo, o perire inermi?