28 novembre 2013

un'altra sceneggiata


Non so se ve ne siete accorti. Di certo difficilmente se si guarda a come è stato trattato l'argomento dai mass media. O meglio di come è stata sviata l'attenzione.
Di certo gli attori sono stati bravi e la scenografia adatta allo scopo. Persino il comizio con palco a Palazzo Grazioli e il dibattito alla Camera con gli insulti, le lavate delle grida della "vajassa" ecc ecc. La verità è che con questa mossa della divisione sono aumentati i consensi del centro destra, perché occupano le aree lasciate vacante da Casini e da Monti entrati tutti nel Nuovo Centro Destra. E alle elezioni chi non avrebbe votato Berlusconi perché "moderato" ora può votare alla nuova formazione, chi non avrebbe votato Casini o Monti perché troppo "moderati" oggi può votare Forza Italia dura e pura così come volevano. E poi ci sono i cespugli dei nostalgici fascisti della Destra di Storace e dei Fratelli D'Italia. Insieme alla Lega in una coalizione e con una legge elettorale che premierà la coalizione più votata, la Destra più o meno di centro sbaraglierà e farà rimanere a bocca asciutta persino la rincorsa a destra di Renzi col il suo PD. Un altro punto importante e che con questa mossa Berlusconi ottunderà la mente sia a coloro che vogliono a che il governo continui e porti a termine le tappe provvisorie che si sono promessi, legge elettorale, riforme costituzionali, con meno parlamentari , una sola camera che legifera , tramite i "traditori" di Alfano, sia coloro che sono scontenti del governo e troveranno sponda negli affondi dei Brunetta e della "pitonessa".
Una strategia vincente ed una manovra a tenaglia che copre sia il fianco destro sia quello a sinistra con la cavalleria al centro.
La vedo nera per Renzi nonostante tutte le sue acrobazie alla ricerca strenua del chi è più a destra della destra.

Un motivo in più per far arrivare il quorum dei non votanti al 50%

P.S.
La sinistra? Cos'è oggi la rappresentanza di "sinistra" nelle istituzioni. Forse una parolaccia o una cosa che si mangia?