14 marzo 2015

Forma e contenuto



La riforma xxxxxx è realizzabile abbastanza rapidamente con grande intensità” Confermiamo che questa è per noi la riforma più importante”, Ma “l'assunzione di yyyyy viene alla fine di questo percorso. Non è l'inizio di questo percorso”. Sono molto ottimista” se si vince “la sfida culturale” per “ritornare ad un grado di fiducia” che il Paese merita. Se gli italiani tornano a crederci sono molto ottimista per il futuro. L'economia italiana vive una fase di terrore, preoccupazione, anche a causa di messaggi improntati non semplicemente all'austerità ma al terrore e alla paura del futuro. Sappiamo perfettamente che viviamo un tempo di grande difficoltà, di struggenti responsabilità e, di fronte all'ampiezza di questa sfida, abbiamo la necessità di recuperare il coraggio, il gusto e, per qualche aspetto, anche i l piacere di provare a fare dei sogni più grandi rispetto a quelli che abbiamo svolto sino ad oggi e contemporaneamente accompagnarli da una concretezza puntuale.

Perché pensiamo che l'Italia abbia la necessità urgente e indifferibile di recuperare la fiducia come condizione per uscire dalla situazione di crisi in cui ci troviamo. Il nostro è un Paese arrugginito, un Paese impantanato, incatenato da una burocrazia asfissiante, da regole, norme e codicilli che paradossalmente non eliminano l'illegalità: Senza dover risalire alle gride manzoniane, l'idea che le norme che si sono succedute nel corso degli anni non abbiano prodotto il risultato auspicato è sotto gli occhi di tutti. Eppure, oggi chiedere la fiducia significa proporre una visione audace, unitaria e per qualche aspetto anche – spero – innovativa, che parte dal linguaggio della franchezza con la quale comunico fin dall'inizio. Il posto fisso non c’è più, il mondo è cambiato» e che «sarà bello sapere se è più di sinistra rimanere aggrappati alle nostalgie e o se è più di sinistra prevedere il futuro» Siamo un partito che è visto come una speranza in tutta Europa, è un risultato che deve lasciarci i brividi e darci responsabilità”, Insieme dobbiamo cambiare l'Europa e costruire un'Europa più legata alla crescita e meno al rigore, più al lavoro, alle famiglie e meno alle banche”

N.B
Naturalmente questo che può apparire come un unico discorso tenuto da qualche parte in qualche luogo, sono, in realtà, spezzoni di discorsi diversi tenuti in occasioni diverse, in luoghi diversi. Insomma un collage di spezzoni di discorsi, ma che poi alla fine appare come un unicum un costante ed incessante di luoghi comuni e di ovvietà buone per tutte le stagioni e per tutti i tempi, per ogni occasione. Alla fine non si vuole dire nulla,non si ha nulla da comunicare, ma solo parlare. Potrei continuare all'infinito a mettere spezzoni dei diversi discorsi, il costrutto finale non mostrerebbe un benché minimo sfrido o sbavatura. E' come se fosse stato scritto un unico discorso , imparato a memoria e poi recitato a soggetto lasciando all'improvvisazione solo le espressioni del volto ( in questo bravo con la mimica facciale, base fondante per un bravo attore. Ricordate il volto di Mussolini o di Goebbels? Senza voler fare nessun paragone storico, per carità. Non sarebbe all'altezza ), o il tono della voce, le pause, il gesticolare, collocare una frase o un concetto prima di un altro a seconda della circostanza, il volume della voce a sottolineare i vari passaggi e persino il breve incespicare a sottolineare l'improvvisazione e la ricerca del termine giusto, in quel punto del discorso.

E' inoltre da sottolineare, (basta guardare alcuni video su youtube), la ricerca dell'applauso, sempre allo stesso punto, recitando la stessa frase che arriva puntuale perché simile se non uguale è il pubblico plaudente.

Possono sembrare considerazioni prevenute, preconfezionate, ma vi invito a fare il gioco dello shekeraggio E' questo un gioco non come il puzzle, li c'è la ricerca del pezzo giusto che deve incastrarsi al posto giusto, con gli altri pezzi, ma più simile al frullato. Raccogliete da Internet ( come ho fatto io) i discorsi di Renzi, cogliete frasi, spezzoni, non importa come dove e la logica della ricerca. A casaccio. Mettere tutto insieme dare una breve shakerata e poi disporre il tutto in un unico. Il risultato è sempre garantito. La fluidità discorsiva del risultato finale è garantita.

Nota a margine
  • al posto delle xxxxx sostiuire l'argomento del caso specifico ( scuola Jobd Act riforma del Senato, Titolo V della Costituzione. 
  • Al posto delle YYYY metteteci un numero a casaccio tante fa lo stesso