10 giugno 2015

Incostituzionale oltre che buona



"La buona scuola è stata dichiarata incostituzionale"

Questa la notizia che divampa sul web e compare con toni più o meno entusiastici sui mass media. Il più o il meno dipende dal più o meno embedded
In realtà in commissione costituzionale l'NCD ha dato "buca" e un fuoriuscito ha dato parere negativo. Un 10 a 10 che equivale ad un parere negativo. La motivazione? "La legge è scritta male" Che questa sia un motivo di incostituzionalità è veramente bizzarro.


In realtà il rispetto della Costituzione di questa legge non c'entra nulla! D'altra parte la commissione non si esprime realmente, in concreto, su cosa sia costituzionale o meno. 
 Anche se questo è il suo compito istituzionale. Da li è passata la legge truffaldina del Porcellum e quella dell'Italicum. Tanto per fare degli esempi. Entrambe incostituzionali se si guarda l'aspetto prettamente giuridico e la fedele compatibilità con i dettami costituzionali e delle fonti di diritto.
In realtà li, ancora una volta, si sono consumati scambi e ricatti fra pezzi di forze partitiche e singoli uomini politici all'interno di una supposta maggioranza. Che la scuola che uscirà da quella legge sarà "buona" o "cattiva" non importa nessuno. Quello che interessa è scambi di pezzi di potere, di favori, di ricatti.
Il rispetto di quel che era scritto nella lettera di Draghi. Quello è il programma e all'interno di questa compatibilità, nell'ambito di questo recinto, si svolgono i giochi di potere spiccioli, clientelare e personale. Se non si capisce questo , non si capisce nulla!
Ed è per questo che poi si ricorrono a categorie come il tradimento, all'onestà, alla "son tutti ladri". Il che non è detto che non sia vero, ma questa è solo l'effetto non la causa della putrescenza del nostro sistema e della melma delle istituzioni

(foto dal web)