13 maggio 2016

Siamo i migliori in UE, partendo dal basso naturalmente!


Le prime stime preliminari sul Pil del primo trimestre dell'anno vedono il Pil italiano salire dello 0,3% su base trimestrale e dell'1% annuo. Ondata di giubilo nelle forze renziane.

Ma vediamo di essere seri, e sopratutto razionali.

Il dato va confrontato con i paesi della UE tutti con gli stessi vincoli, libertà di manovra , legislazioni e regole economiche più o meno vicini , eliminazioni di politiche sociali e del lavoro.

Partendo dal 2008 anno a cui si fa risalire la crisi sistemica di cui ancora non riusciamo ad uscirne la produzione industriale italiana ha perso circa il 23%. Peggio dell'Italia ha fatto la Spagna, che ha subito una flessione di oltre il 30% (nel punto di minimo). Tuttavia, mentre in Italia, nonostante condizioni esterne molto favorevoli (petrolio, tassi e euro), la ripresa appare stagnante, in Spagna il ritmo di espansione è stato assai più marcato e vigoroso, nonostante negli ultimi mesi abbia mostrato segnali di debolezza

Se si analizza poi  il sistema bancario e i crediti in sofferenza 



si vede che le sofferenze lorde e il totale degli impieghi si colloca al 17.25%, e nessuno dei paesi che contano riesce a fare peggio dell'Italia, nemmeno lontanamente.

Ma in tutta la UE la situazione risulta stagnante e la crescita al di la da venire. Si vede come la Germania pur partendo più o meno dalle stesse condizioni, con la crisi abbia preso il volo ( sempre relativamente) anche se ultimamente appare fiacca.

Insomma la situazione non è rosea, ma in Italia è ancora peggio.

Se qualcuno vi parla che stiamo sulla strada giusta , si riferisce per il baratro ,naturalmente.