17 ottobre 2016

NO! E noi non lo sapremo!


Credo che pochissimi sanno , anche di quelli di solito bene informati cosa sia avvenuto due domenica fa in Italia. E' quello che succederà anche per il Senato.
Si sono tenute le elezioni delle Città Metropolitane una delle istituzioni insieme alle Regioni, Province e Comuni che la nuova Costituzione contempla. Eppure non si era detto che si doveva semplificare? Ne abbiamo aggiunta una in più.
Chi sono i politici entrati a far parte del consiglio , con quali programmi, con quali visione della gestione del territorio non si sa, nessuno lo sa. La spartizione è avvenuta fra i partiti, seconda una logica del tanto a te e tanto a me.
Eppure i compiti delle Città Metropolitane non sono di secondo ordine per la vita dei cittadini. E' ancora tutto confusionario nella spartizione dei vari compiti e competenze fra Regioni, Province e Comuni, Ancora non si sa bne chi e cosa farà l'uno e cosa l'altro. Ma questo poterebbe essere il male minore! Anche se infinitamente grande per la vita dei cittadini.
La Città Metropolitana di Roma , per esempio raggruppa 160 comuni e 4 milioni e mezzo di cittadini! Decide se fare e dove fare gli inceneritori, quale ospedale far fuori e dove.
Eppure i cittadini non ne sanno nulla e sono stati spogliati della loro sovranità
Ci avevano detto che le Province erano enti inutili. Sbagliato!
Sono importantissimi per la gestioe e l'amministrazione dei territori, I consiglieri provinciali sono altrettantoimportanti. Quelle ritenuto inutile è stata l'elezione di quei governanti, come inutile l'elezione dei consiglieri della Città Metropolitane.
Domani con le elezioni del Senato succederà la stessa cosa. Uno dei pilastri delle istituzioni della Repubblica sarà eletto e i cittadini non ne sapranno nulla. Non solo che è avvenuta la nomina, ma chi ne farà parte.