11 gennaio 2017

Oggi il verdetto della Corte Costituzionale, per valutare i referendum abrogativi, presentati dal primo sindacato italiano insieme alla proposta di legge di iniziativa popolare Carta dei diritti universali del lavoro.
Due dei tre quesiti riguardano il Jobs Act e chiedono la cancellazione dei voucher e un nuovo reintegro in caso di licenziamento illegittimo, ripristinando l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori abolito proprio con la riforma Renzi-Poletti. Il terzo quesito, invece, ritoccando la legge Biagi (poi modificata dalla riforma Fornero) mira all’eliminazione delle norme che limitano la responsabilità in solido di appaltatore e appaltante, in caso di violazioni nei confronti del lavoratore.

Contrari si sono epsressi CISL,UIL,UGL la maggioranza del PD oltre naturalmente FI e Lega
Il M5S nicchia, e in Commissione Affari Costituzionali ha detto meglio le elezioni politiche subito che il referendum risparmieremo cosi 400 milioni.
Vi sembra entrare nel merito?