5 gennaio 2014

Notiziario dal Mondo del Lavoro 4/1/2014


Puglia. Firmato l'accordo della vergogna per gli ex Lsu addetti alle pulizie delle scuole
E' stato firmato l'accordo tra la società tedesca Dussmann Service e i sindacati confederali sul lavoro di circa 3.500 ex Lsu addetti ai servizi di pulizia nelle scuole pugliesi. A darne notizia è la stessa Dussman,…

Ex Montefibre: festività natalizie amare per gli operai senza cassa integrazione -
Era lo scorso 19 dicembre, quando gli operai della Ngp (uno dei tre rami d'azienda in cui fu 
E' stato il loro primo giorno di lavoro in qualità di imprenditori, oggi, per 10 ex dipendenti della “nuova Legatoria d'Ancona”, la 
Il timore dei lavoratori – come riporta il Detroit Free Press - è che si verifichi quanto accaduto nel 1998 con Daimler, che aveva parlato di una fusione fra pari ma 
Riparte la protesta degli autisti autorganizzati dell'Atac, che il prossimo 20 gennaio annunciano un nuovo corteo. A dare la 

No Muos No Mafia domenica a Cinisi, il paese di Peppino Impastato
Il NO MUOS NO MAFIA TOUR domani arriva a Cinisi, il paese di Peppino Impastato. Dopo l'anteprima nazionale di Niscemi e Palermo, il tour dell'Ass. RADIO AUT è ripartito il 2 gennaio dal Teatro Coppola Occupato

Crisi, si risparmia su cibo e benzina per pagare ticket, affitti e bollette. Uno studio di Prometeia
I 5 anni della crisi hanno profondamente modificato le dinamiche della spesa delle famiglie per i singoli beni e servizi con un aumento di circa 650 euro per le spese obbligate per la casa... Per leggere tutta la notizia vai sul sito di 

Armamenti, nel 2014 niente spending review per la Difesa: spese per 5 miliardi
Generali e ammiragli brindano all’inizio di un nuovo anno di spese pazze in armamenti alla faccia della crisi. Nel 2014 la Difesa si prepara a spendere altri 5 miliardi di euro in cacciabombardieri, navi da guerra, blindati ed 

Via alla vendita a trattativa privata di 41 immobili del Demanio, da palazzo Duodo di Venezia all'arsenale militare di Pavia
Per vendere i 41 immobili occorre ora solo l'autorizzazione del ministero dei Beni culturali. Ci sono caserme, magazzini, ex conventi, campi sportivi militari, ma anche autentici gioielli...