23 febbraio 2014

Il formalismo al governo


Per i radical chic , per l'intellettualismo di sinistra, per quelli della Repubblica, De Benedetti in testa , non potevano sperare di meglio. Il femminismo di maniera è stato accontentato. Metà donne, metà uomini. il modernismo in chiave giovanismo anche , Età media 48 anni i ministri e il presidente del consiglio più giovane della nostra repubblica. Beh! a voler essere pignoli qualcosa manca a questo governo. Non c'è più una donna di colore. Ma l'hanno avuto nel precedente governo. E che cazzo accontentativi! E manca anche un gay o lesbica. Almeno non dichiarato pubblicamene. Ma per un giovane boy scout e per giunta dell'azione cattolica questo sarebbe stato troppo. Un po per volta, il progresso cammina , nel nostro paese, a passi di formica , e l'omosessimo è un passo troppo azzardato.
Beh! sicuramente ci saranno sempre i "menopeggisti" 
Meglio questo che un governo Berlusconi, quello di escort e amanti del Bocchino ( l'ex parlamentare ) . Si certo è solo una questione di accontentarsi. Accontentiamo del brodo che la carne costa cara!
 Di fronte a tanto progressismo e modernità si ha anche un tocco alla continuità. Uno dell'OCSE all'economia. In questo non si scherza se no i mercati e l'Europa poi si incazzano. Brancaccio che lo ha avuto come maestro dice di lui che facendogli una domanda da discepolo sulle critiche all'Euro e di come era stato costruito (che anche all'inizio alcuni economisti facevano)  rispose con una alzata di spalle e recentemente ha anche affermato che l'austerità stava dando i suoi risultati. Certo dal punto di vista della lotta di classe indubbiamente! Perché qualcuno aveva dei dubbi che gli obbiettivi della politica dell'Europa fossero diversi.
Il Demolition man, il rottamatore che tutto rottama per lasciare tutto invariato ha confermato la sua estrazione gattopardesca. La pecora Dolly della politica è stato battezzato ( La pecora nata in laboratorio che fin dalla nascita era biologicamentoe vecchia) Anche qui. Qualcuno aveva dei dubbi? Beh ! fateveli passare! 
Che dire della riconferma di Alfano come ministro degli interni? Anche qui un segnale della continuità col passato! Ogni commento è superfluo. 
Qualcuno ha scritto che per i ministeri importanti , determinanti la lista dei ministri è stata scritta direttamente Bankitalia, Bce e Quirinale. Assistenti ai bordi del campo, Confindustria, Ocse e Fmi. Perché per gli altri governi chi erano stati i manovratori ed editori?

Fra qualche mese faremo i l primo bilancio dal punto di vista di classe!