7 aprile 2014

Non ce se può credere!


Ma chi se lo poteva immaginare un articolo cosi come quello comparso ieri sul corriere della sera? (http://adf.ly/izIGL) Era a firma dei pasdaran dell’austerità. I fedayn del precariato espansivo, quelli del pareggio di bilancio a tutti i costi, del rigore a senso unico e contro la patrimoniale. Si insomma i teorici dell’attuale ( da qualche decennio a questa parte, anzi del "di più", dell’ancora "non sufficiente") Si insomma di ALBERTO ALESINA e FRANCESCO GIAVAZZI!
Ragazzi che sballo!

Citano persino Prodi nella sua affermazione che il limite del 3% era una cosa stupida!  E via a sciorinare tutte una serie di dati empirici macroeconomici che stanno a dimostrare quella citazione. E sono gli stessi dati che fino a qualche tempo fa ne avevano contestato la validità , ridicolizzando economisti e politici che li citavano!
Ma , ecco la differenza che essi pongono. L’importante che siano chiari i patti! Questa la differenza fondamentale, inequivocabile fra gli altri economisti e loro due. Fra le altre ipotesi e la loro.
I patti chiari!
Si deve sforare , si può sforare ma non a piccoli passi, non con sotterfugi, ma sforare di brutto e con interventi massicci! Ecco la chiave di volta del loro cambio di strategia e di visione! 
Non se , ma come!
Non è che , si stanno accorgendo che tutto quello che sin’ora hanno teorizzato sta producendo una deflazione ( che è la peggiore malattia cronica per una economia) , una disoccupazione che potrà arrivare persino ad essere peggiore di quel che loro stessi speravano si arrivasse, una precarietà espansiva che è desertificazione e perdita di speranze , di ottimismo di voglia di fare? E non si parla di disoccupazione dei ultra quarantenni! Che è , se fosse possibile, un dramma maggiore di quella giovanile! 
Ma è solo un mio dubbio?
E se invece fosse una incondizionata sponsorizzazione delle feluche e fanfaronate del Superbone di Firenze?
Questo cambio di passo non è forse iniziato da quando la sparata del cazzaro Renzi ( andare di qualche decimale di punto al di sotto del 3%) ha avuto la reprimenda da parte della Merkel e di tutta l’Europa che conta?
Sarà questo che li ha fato decidere a scendere da bravi pasdaran in campo con la corazzata del loro giornale?
O forse il 2016 sta arrivando e questa non è una semplice data del calendario. Secondo il patto sottoscritto che va sotto il nome di Fiscal Compact e che è stato messo in fretta e furia in Costituzione ( altro che tempi lunghi del nostro Parlamento , a dimostrazione che quando si vuole le istituzioni funzionano e bene anche. Altro che palla al piede del Senato!)
Per quell’anno il deficit nominale deve essere pari al lo 0% e quello strutturale in attivo dello 0,5%. Ed è stato scritto in Costituzione! E il deficit deve essere il 60% del PIL . Se cosi non è ogni anno deve scendere del 5% rispetto al PIL che detto in soldoni vuol dire una manovra , aggiuntiva di ben 50 miliardi all’anno, ogni anno,  per vent’anni!
Detto così non si ha la reale percezione dei numeri. Allora basti pensare a cosa sta costando alla compagine governativa con annessi e connessi, il reperimento dei circa 6 miliardi necessari per la copertura degli 80 euro in busta paga promessi dal cazzaro Renzi! A Pasqua aveva detto ed ancora non si sa , o non ce lo fanno sapere, come e dove li reperiranno sti benedetti 6 miliardi . Ricordate la eliminazione dell’IMU? 4 Miliardi  dovevano reperire e sono stati costretti a trasformarla di nome e trasferirla ai Comuni, che l’hanno incrementato ( A proposito! Gli 80 euro che verranno se verranno andranno tutti per pagare appunto la Tasu, Tarsi ecc ecc . A Roma si vocifera che si arriverà a pagare 120 euro, mediamente!)  
Pensate invece ai 50 di miliardi necessari dal 2016. E non si potrà dire abbiamo scherzato con la Merkel!
Sarà forse questo? 
La situazione da essi stessi creata gli sta sfuggendo dalle mani ed adesso corrono ai ripari e potranno sempre dire  “ l’avevamo detto noi”
E’ come per l’Euro. Adesso sono tutti contro l’Euro. Ma tutti, proprio tutti. Dai più estremi ai più morbidi, ( occorre modificare i patti) Dai fascisti ai moderati(?). Si sono tutti creati una verginità ideologica, mischiandosi con coloro che fin dall’inizio erano scettici, dagli economisti di matrice marxista, ai piu liberal , ma con una onesta intellettuale e partendo da presupposti base, dai fondamentali di teoria di economia classica.

Non certo alla Giannini!