8 gennaio 2015

Quando anche la morte diventa merce mediatica


Ha fatto scalpore e scandalo in rete, ciò che piu che scritto ha mostrato la Belen a commento della morte di Pino Daniele. 
Intanto , come sempre succede, la morte di un personaggio famoso e colto sia esso nel campo della musica, come della letteratura o della poesia, trova immediatamente una folla di fans che mai ha avuto nella vita artistica. Testimonianza e affetto, stima e ammirazione che spesso avrebbero voluto avere, ma che, molto spesso, non hanno avuto o quantomeno non tanti quanto ne hanno dopo la morte. 


Ma la cosa piu "strana", oggi che è il web il veicolo piu utilizzato, è che tutti sentono il bisogno di twittare o di postare le cose piu dolci e carine, piu di ammirazione e di dolore per quel personaggio che quando era in vita non se lo cagavano manco di striscio. E tutti "devono esserci" e partecipare agli happenning di onoranza funebre, cosa squallida e penosa , se il personaggio in questione è un cantante o uomo dello spettacolo.Devono esserci per cantare tutti insieme una sua canzone ( di cui magari non si conoscono le parole, ma basta muovere le labbra e ripetere il ritornello)  con gli accendini accesi e magari con qualche gadget luminoso messo in vendita , come per miracolo, improvvisamente per l'occasione  
Ognuno poi lo fa a modo suo, naturalmente, Ognuno secondo la sua cultura e ognuno secondo il suo grado di conoscenza del personaggio. La ricerca si fa quindi affannosa su Google per saperne qualcosa di piu e  piu sono banali le frasi piu si dimostra quanto poco lo avevano conosciuto ed apprezzato in vita. 
Ma tornando alla Belen
Ha commentato la morte di Pino mostrando una foto in bianco e nero con il suo prosperoso e generoso seno in evidenza. Scandalo in rete!
Ma credo che la Belen non abbia nel suo Photobook una foto che sia una, dove non metta in mostra le sue doti artistiche, dal seno alla farfallina, ma da una così, cosa si voleva che potesse esprimere se non appunto o il seno o la farfallina, buone per ogni occasione e per ogni circostanza? 
Ognuno si esprime per quel che è!