19 maggio 2015

Lo Stato è il nemico da cui difendersi o chi ci tutela?



«Se si dovesse semplicemente azzerare la norma dovremo trovare 18 miliardi di euro» ha spiegato il premier, entrando poi nel dettaglio del meccanismo varato per il rimborso: dal 1° agosto agli assegni da 1700 euro lordi spetteranno 750 euro, a quelli di 2300 450 euro, a quelli da 2.700 andranno 278 euro. «È una una tantum»,

Intanto chiama "azzerare la norma" il furto legalizzato perpetuato ai danni dei pensionati e messo in pratica non da altri, ma dal suo partito che era al governo e che ha votato quella norma. E' vero lui non l'ha votato , ma solo perché impossibilitato in quanto non era e non è parlamentare, "rappresentante" non eletto. Non mi sono nemmeno accorto che quando fu votate quella "riforma" lui abbia espresso contrarietà o obbiezioni. Eppure era un dirigente all'interno del suo partito.

Ci troviamo di fronte ad un furto di 18 miliardi e con la restituzione di appena un decimo del maltolto si estingue il reato. Provate a proporre un concordato del genere ad un giudice che deve decidere la condanna ad un lavoratore o magari pensionato che deve restituire il mancato pagamento di tasse , rate di mutuo, o balzelli vari, l'estinzione del reato con il pagamento di un decimo di quanto dovuto. Pensate che lo prenderebbe in esame?

Ora non è che voglia giustificare comportamenti e atteggiamenti per forza e nonostante tutto. Ma come si possono avere atteggiamenti anti statali di fronte a reati impuniti di simile natura? Compiuti , per giunta, in nome del popolo sovrano? E qui non si tratta di questo o quel politico e quindi non è solo anti-politica, ma di fronte all'atteggiamento generalizzato diventa per forza di cosa atteggiamento anti statale. Lo Stato diventa il nemico da cui difendersi e non colui che ci difende!