29 gennaio 2016

Linguaggio e potere


"La bellezza dell'Italia e la cultura e l'arte italiana rappresentata nei musei , e la cultura che si respira a cielo aperto nelle nostre città ci porta ad essere la capitale in Europa". Renzi .
Poi arriva il Presidente iraniano Hassa Rohuani e fa coprire le testimonianze della nostra cultura ed arte.
E allora?
E' una esemplificazione di come il linguaggio è veicolo del potere. Strumento di falsificazione della realtà, di manipolazione delle masse,di desertificazioni morale delle coscienze, di imposizioni di aberranti ideologie e stili di comportamento.
Job Act, Spending review, smart work. whistleblower, social card, sono le password ( per restare in tema) per l'utilizzo di questo strumento. Sono singole parole, locuzioni frasi ripetute milioni di volte , imposte alla massa e da queste accettate meccanicamente e inconsciamente. Diventa quindi la lingua ufficiale coniata nelle parate, i raduni le grandi occasioni, nei simposi internazionali 
Renzi ha utilizzato lo strumento linguaggio più di chiunque  altro leader nel nostro paese, nella storia moderna.. Prima di lui solo Mussolini. E' una coincidenza?
Le smorfie, il linguaggio del corpo prima ancora del facciale, la gestualità , l'utilizzo di strumenti e di tecnologie moderne , ma utilizzando una vecchia declinazione fa di lui un post moderno, ma antico nei contenuti
La simbologia del potere, assolutistico , la fenomenologia del "fare" lasciando regredire i rapporti di potere sociale fin alggli arbori della fine ottocento.
Precarietà del lavoro, povertà come status stabile e duraturo, rigidità delle classi sociali. Fine della rappresentatività sociale nel politico e oligarchia al poteer stabile e duraturo. Fine politico della rivoluzione francese e imposizione di una struttura del potere risalente al medioevo.
Renzi è solo il veicolo, lo strumento di una rivoluzione silenziosa , come avrebbe detto Gramsci, guidata e condotta dai poteri europei, principalmente.  
Renzi finirà , prima o poi, ( sempre più vicino il suo termine), ma l'ideologia che lui come condottiere ha prodotto farà fatica a terminare con lui. 
E' il finanziarcapitalismo bellezza!