10 giugno 2018

Dove ci sono le fondazioni c’è aria di corruzione»

Dove ci sono le fondazioni c’è aria di corruzione», scriveva il blog dell'allora movimento esattamente nel 2016. Le fondazioni sono «vere e proprie cassaforti dove far confluire soldi di provenienza totalmente sconosciuta e spesso illecita» Dichiarava Grillo Ma si riferiva a D'Alema e alla sua Foundation for European Progressive Studies (Feps)
Si descriveva, non senza ragioni, l’opacità di uno strumento che non deve presentare bilancio, e gode di sgravi fiscali pesanti: «Questa mancanza di obblighi da parte delle Fondazioni, molto apprezzata dal malaffare, serve ad alimentare ulteriormente la corruzione ed è per questo che dove ci sono le Fondazioni, c’è aria di corruzione»


Oggi nel governo verde giallo tre dei diciotto ministri nel governo collegati a fondazioni E tre ministri dal peso rilevante!!!!
  1. Aspen Institute Italia (Moavero Milanesi e Savona), 
  2. Fondazione Iustus (Savona e Tria), 
  3. Fondazione Craxi (Tria), 
  4. Fondazione Icsa (Savona), 
  5. Fondazione Magna Carta (Tria) e 
  6. Fondazione Ugo La Malfa (Savona).

Naturalmente per i grillini non è importante la cosa in se, ma questo assume rilevanza o meno a seconda di come e con chi è schierato il soggetto appartenente alla Fondazione.
Se è un nostro amico o un nostro nemico e di conseguenza anche il giudizio di merito cambia.